Come capire un disagio del bambino

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Se avete un bambino piuttosto piccolo e notate che si comporta in modo strano, appare chiuso in se stesso o è disobbediente in modo eccessivo, è importante analizzare a fondo la situazione e cercare di capire se vi è un eventuale disagio alla base. Per fare ciò, è necessario avere un dialogo con lui in modo da risolvere a monte il problema. A tale proposito, ecco una guida con alcuni consigli utili su come ottimizzare il risultato.

24

Parlare con gli insegnanti

La prima cosa da fare per cercare di capire il motivo del disagio del vostro bambino, è di parlare con gli insegnanti per scoprire se anche a scuola si comporta allo stesso modo, ed eventualmente chiedergli se hanno notato qualche comportamento anomalo oppure appare taciturno ed anche svogliato. Tale situazione potrebbe rivelarsi importante per trovare le contromisure necessarie, e magari affidarlo ad un medico psicologo ove mai la situazione dovesse apparire complicata.

34

Dialogare con altri genitori

Dialogare con altri genitori potrebbe essere un ottimo modo per capire perché il bambino appare in forte disagio; infatti, spesso i piccini parlano con i loro familiari e raccontano le peripezie, le malefatte o eventuali atteggiamenti strani dei loro compagni di banco. I genitori in questo caso se interpellati, potrebbe fornire indizi mirati e di conseguenza farvi regolare diversamente. Al giorno d'oggi purtroppo esiste il fenomeno del cosiddetto "bullismo scolastico" che potrebbe essere una delle cause che determina il comportamento strano e il disagio del bambino. Indagare e scoprire la verità è importantissimo, sia per la vostra stessa tranquillità che per evitare che il bambino possa commettere gesti inconsulti. Le riunioni periodiche tra genitori ed insegnanti possono in questi casi risultare fondamentali, per capire a fondo il problema che lo affligge.

Continua la lettura
44

Essere più disponibili

Un bambino che appare in disagio quando si trova a casa, potrebbe avere un problema tutto sommato risolvibile; infatti, molto spesso capita che entrambi i genitori sono costretti per motivi di lavoro a lasciarlo per quasi tutto l'arco della giornata da solo, e quindi incutergli timori e paure dettate proprio dalla solitudine o dalla mancanza di affetti materni e paterni. Se si è più disponibili nei suoi confronti, si potrebbe in questo modo risolvere facilmente il problema; infatti, stare con lui più spesso e parlargli, farlo giocare e portarlo al parco giochi, è sicuramente un ottimo metodo per limitare il disagio e farlo sparire del tutto.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Linguaggio dei segni: come comprendere un disagio

Il linguaggio dei segni è un sistema codificato, studiato per sopperire all'impossibilità da parte di alcuni soggetti di avvalersi della lingua parlata. Per coloro i quali non è possibile articolare parola per vari motivi patologici, così come per...
Psicologia

Come sfogare le proprie frustrazioni

È inutile negarlo: i momenti no capitano a tutti. Si può essere anche la persona più calma e positiva di questo mondo, ma ci sarà sempre un periodo di particolare stress e frustrazione pronto a gettarci nell'angoscia e nella negatività, spingendoci...
Psicologia

Come superare l'ansia sociale

Ai nostri giorni, si vive in una società che punta molto sull'apparenza. Per adeguarsi, bisogna essere belli, sani e spigliati. Bisogna avere la battuta pronta e sapersi destreggiare in un mondo tecnologico e pieno di insidie. Queste situazioni non sempre...
Psicologia

Come vincere l'agorafobia

Il termine "Agorafobia" deriva dalla parola greca "Agorà", che significa piazza, e serve ad indicare un particolare stato emotivo contraddistinto dal fatto di nutrire una paura immotivata nei confronti degli spazi affollati. Dal punto di vista psicologico,...
Psicologia

Come superare la paura del sangue

La paura del sangue è una fobia che accomuna molte persone e, un semplice prelievo per valutare la nostra salute, può diventare quasi una tragedia. Una volta confermata l'esistenza dell'emofobia, esistono molti metodi che contribuiscono a mitigare...
Psicologia

5 modi per vincere la timidezza

Essere timidi per molte persone è davvero un gran problema.Non tutti infatti, all'idea di parlare di fronte ad una moltitudine di gente, si caricano di autostima e sfoggiano una disinvoltura senza pari; addirittura c'è chi, invece, preferirebbe nascondersi...
Psicologia

Come migliorare la personalità

Vi sentite spesso a disagio quando state tra la gente? Siete troppo timidi e non riuscite mai ad esprimere le vostre idee, anche se esse vi sembrano buone e convincenti? Tendete ad arrabbiarvi eccessivamente e ad essere nervosi? Chiunque possiede dei...
Salute

Cosa fare in caso di vertigini

Spesso ci preoccupiamo perché all'improvviso, mentre ci alziamo dal letto o ci allacciamo le scarpe, non avvertiamo più il nostro senso di equilibrio a causa delle vertigini. Il cervello, non riceve più gli stimoli esterni in maniera corretta e avvertiamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.