Come assumere più vitamina C in modo naturale

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La vitamina C è nota anche come acido ascorbico ed è ampiamente distribuita in natura. La ritroviamo nella frutta, negli ortaggi, nelle verdure, sebbene il grado di maturazione di queste ultime e la specie cui appartengono apporti quantità molto diverse di queste vitamina. Inoltre, l'acido ascorbico tende ad ossidarsi facilmente ed è termolabile, per cui le quantità medie contenute in 100 grammi di un qualsiasi cibo, possono diminuire ulteriormente. Fortunatamente, i vegetali provvisti di questa importantissima vitamina vantano anche la presenza di altre sostanze, dette fenoli/polifenoli che sono capaci di preservarne la degradazione. Tra queste la vitamina P e la quercetina. In occidente, le avitaminosi sono rare, poiché molti cibi facilmente reperibili sul mercato vengono rinforzati da mix vitaminici. Tuttavia, ogni avitaminosi comporta un quadro sintomatologico serio. Se non si assume abbastanza acido ascorbico, si intaccano i processi di guarigione delle ferite e di ossificazione. Vengono ad aggiungersi anche l'ipercolesterolemia, la piorrea e lo scorbuto. In questa guida vedremo come assumere più vitamina C in modo naturale e sfatando tutti i falsi miti legati ad essa.

26

Occorrente

  • Vegetali crudi quali broccoli, cavoli, kiwi, papaya, fragole, acerola
36

Mangiare più vegetali crudi

La vitamina C è termolabile e viene inattivata da temperature neppure troppo elevate che si aggirano sui 36 gradi centigradi. Per tale ragione, se il proprio obbiettivo è assorbire la vitamina in questione, è meglio mangiare vegetali crudi e non ripiegare sulle confetture. Il fabbisogno medio di acido ascorbico di un adulto è 60 mg/die; questi sono facilmente raggiungibili mangiando cibi crudi in quantità minime. 100 grammi di kiwi, ad esempio, contengono ben 93 mg di vitamina C, più o meno quanto 100 grammi di fragole o 100 grammi di broccolo. Se invece andassimo a valutare l'apporto di questa sostanza tramite la marmellata di fragole, quella di kiwi e i broccoli bolliti, questa si ridurrebbe drasticamente, fino ad annullarsi. Ecco che per assumere più vitamina C in modo naturale, è bene abituarsi a mangiare vegetali non cotti.

46

Selezionare i giusti prodotti della natura

Sebbene come abbiamo detto la vitamina C sia particolarmente diffusa in natura, vi sono molti alimenti che ne contengono quantità considerevoli. Si inizia dalle spezie e dagli aromi come timo e prezzemolo che contengono rispettivamente 160 e 133 mg di vitamina C ogni 100 grammi. Seguono le verdure a foglie verde scuro, quali cavolo e crescione, che ne contengono 120 e 69 mg ogni 100 grammi, broccolo e cavolfiore (89 e 46 mg/100 grammi), kiwi, fragole, papaya (62 mg/100 grammi) e arance (59 mg/100 grammi). Come possiamo notare, sebbene le arance rappresentino certo una fonte importante di vitamina C, ne contengono molto meno rispetto ad altri vegetali. E si sfata così il mito che le vuole fonti principali di acido ascorbico.

Continua la lettura
56

Bere infusi freddi ed acque aromatizzate alla rosa canina e agli agrumi

La rosa canina è ricca di vitamina C e di flavonoidi. Per tale ragione, aggiungerla alle proprie tisane fredde o acque aromatizzate, favorisce un maggiore apporto di acido ascorbico. Questo viene potenziato ulteriormente addizionando degli agrumi freschi. Si deve però fare attenzione a due variabili: le interazioni farmacologiche e gli esiti del sovradosaggio. Un eccesso di vitamina C può infatti interagire con antiacidi ed antidepressivi. Il sovradosaggio, invece, si traduce a volte in disturbi gastrointestinali. Questi ultimi, tuttavia, si risolvono rapidamente in quanto l'acido ascorbico in eccesso non si deposita sui tessuti ma viene eliminato con le urine. Prima quindi di intraprendere qualsiasi percorso, per naturale che sia, è bene rivolgersi sia al medico che all'esperto fitoterapeuta.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione ai flavonoidi: alcuni possono entrare in conflitto con terapie a base di estrogeni poichè strutturalmente appaiono simili. Non eccedete mai nell'alimentazione e chiedete sempre un parere medico

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

10 motivi per assumere la spirulina

L' Arthrospira platensis o comunemente denominata Spirulina, per la sua classica forma a spirale, appartiene alla famiglia Cyanophiceae(alghe azzurre) ed è coltivata principalmente nelle zone del Messico e della Cina. La spirulina ha origini antichissime,...
Rimedi Naturali

Come e quando assumere il verbasco

Il verbasco (Verbascum Thapsus), noto anche come Tasso barbasso, è una pianta officinale spontanea. Appartiene alle Scrophulariaceae. I suoi steli possono raggiungere anche i 2 metri di altezza; i fiori sono grandi, cimosi e gialli. I terreni incolti,...
Rimedi Naturali

Come e quando assumere il tè verde sencha

Il tè verde giapponese sencha si ricava dalla Camellia Sinensis. Le foglie vengono raccolte tra Maggio e Giugno e sottoposte ad una lavorazione scrupolosa ed attenta. Sono reperibili in qualsiasi erboristeria e somigliano vagamente a degli aghi di pino....
Rimedi Naturali

Come e quando assumere l'argilla verde ventilata

L'argilla verde ventilata è un antico rimedio naturale dalle numerose virtù. Essiccata al sole ed a polvere fine, è priva di impurità per cui consente un maggiore scambio ionico. Largamente impiegata a scopo terapeutico e cosmetico, gli egizi trattavano...
Rimedi Naturali

Come assumere gli oligoelementi

Gli oligoelementi, come suggerisce la parola stessa, sono sostanze nutrienti necessarie all'organismo in parti piccolissime, con una concentrazione media inferiore a 100 parti per milione. Si tratta di sostanze che il nostro organismo necessità l'integrazione...
Rimedi Naturali

Come fare uno sciroppo naturale

La tosse è un fastidio molto comune che colpisce molte persone durante tutto l'anno e non solo in inverno come si crede. Assumere per lungo tempo però uno sciroppo può portare effetti collaterali anche a lungo termine, ma è bene trovare un alternativo...
Rimedi Naturali

Come fare uno spray antisettico naturale per la gola

Uno dei mali di stagione più frequenti è il mal di gola. A chi non è capitato in alcuni periodi dell' anno, soprattutto durante il cambio di stagione, di avvertire una sensazione di pizzicore nel cavo orale, di provare bruciore, di avere la gola arrossata...
Rimedi Naturali

Utilizzi della rosa canina come rimedio naturale

Tra le varie piante medicinali è possibile inserire anche la famosa rosa canina. Si tratta di una pianta molto particolare, caratterizzata da dei fiori molto luminosi, grandi e colorati e da bacche di un colore rosso acceso, piene di principi attivi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.