Come aiutare chi soffre di DOC

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Doc: Disturbo Ossessivo Compulsivo. È questo il significato dell'acronimo col quale si identifica questo tipo di disturbi. Chi è affetto da Doc solitamente è consapevole di quanto gli accade, di quanto i suoi comportamenti possano risultare non convenzionali. È proprio nella fase iniziale del Doc che familiari ed amici possono aiutare i propri cari, anche se si tratta di un compito tutt'altro che semplice. Lungo questa guida vi daremo qualche consiglio su come aiutare chi soffre di Doc.

26

Parlare del problema

Il primo passo, piuttosto delicato, è quello di sollevare il problema. Per farlo occorre essere documentati, leggere articoli o libri specializzati sull'argomento, così da non commettere degli errori non solo di ordine culturale, ma anche comportamentale. Bisogna, qualora non ne fosse cosciente, fargli capire che i suoi comportamenti sono classificabili all'interno di questa patologia e che, come lui, tante altre persone affrontano lo stesso problema: questo serve a non farlo sentire solo o emarginato.

36

Conoscere le cure

È importante che il vostro interlocutore sappia che vi sono delle cure psicologiche e farmacologiche per placare il disturbo e la sofferenza. Non bisogna mai mettere in ridicolo chi assume comportamenti ossessivo compulsivi, tanto meno imporre l'obbligo di smettere. Atteggiamenti di questo tipo non sono d'aiuto a chi vive il problema e l'effetto sortito è quello opposto: aumentare l'ansia, la demoralizzazione, la provocazione di stati aggressivi in soggetti già consapevoli dei propri disturbi. Solo in alcune occasioni, che esulano dalla fase acuta della patologia, se si ha confidenza con la persona che si ha davanti è possibile ironizzare un po' sulle paure che prova chi è affetto da Doc, in modo da far comprendere l'assurdità di certe paure. Il tutto va fatto con un certo distacco e senza minimizzare i problemi che derivano dalla patologia.

Continua la lettura
46

Affrontare la terapia

Se la persona si è convinta ad affrontare il percorso terapeutico, è necessario tutto il vostro sostegno, soprattutto quando ci si accorge che la terapia non dà risultati immediati. Non rendetevi mai partecipi delle sue ossessioni, ed evitate di fornire risposte troppo dettagliate alle richieste di rassicurazione, in modo da evitare che questi dubbi diventino insistenti. Continuate a comportarvi allo stesso modo, così da esporre chi è affetto da Doc alle proprie fobie e superarle col tempo. Continuate a vivere la vostra vita sociale in modo attivo, svagatevi e liberate la mente per quando dovrete affrontare momenti più difficili in relazione alle fasi acute della patologia.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come aiutare una persona ansiosa

Una persona ansiosa non sempre è facile da gestire, visto che innanzi tutto è indispensabile dare una motivazione al suo stato e capire se si ha davanti una patologia seria o un disturbo passeggero. In certe fasi della vita, durante alcune esperienze...
Psicologia

Come aiutare un soggetto schizofrenico

Un soggetto schizofrenico, per il pensiero comune, è un soggetto dai gravi disturbi mentali e, per questo, pericoloso, folle, imprevedibile, da evitare ad ogni costo. La malattia mentale di un soggetto schizofrenico è, nell'immaginario comune, qualcosa...
Psicologia

Come aiutare un bambino insicuro

L'autostima è molto importante non soltanto per gli adulti, ma anche per i bambini. Alcune volte si possono avere difficoltà nell'apprezzare se stessi e nel riconoscere le qualità personali. Tutto questo potrebbe condizionare il comportamento quando...
Psicologia

Bugie: come scoprire chi mente

La fiducia è, senza dubbio, un elemento fondamentale su cui si basano le relazioni interpersonali. Quando questa viene meno, quando il nostro partner, o un amico, o un familiare, ci racconta, ad esempio, delle bugie, è davvero difficile tornare a credere...
Psicologia

Come superare le ossessioni

Le ossessioni, pensieri che si ripetono e da cui non si riesce a liberare la mente, complicano non poco la vita di chi ne soffre. Si presentano in vari modi: immagini o frasi verbali. C'è chi continua a rimuginare situazioni al di fuori della propria...
Psicologia

Come gestire un ipocondriaco

L'ipocondria è un problema della sfera psichica che porta chi ne è affetto ad avere delle preoccupazioni eccessive e in molti casi infondate per la propria salute. Il soggetto affetto da ipocondria, associa ogni minimo fastidio che avverte ad una patologia...
Psicologia

Come vincere la fobia dei topi

Con il termine "Musofobia" s'intende una forma di zoofobia che è specificata come la paura dei ratti. Questa può scaturire, sia da esperienze pregresse avute con queste creature o perché si ha proprio quel senso di drizzamento dei peli quando si vede...
Psicologia

Come superare la paura del temporale

Se avete paura del temporale, non siete soli. La paura dei tuoni, ufficialmente chiamata brontofobia, può portare a reali attacchi di panico da parte di chi ne soffre. Se la vostra paura del temporale interferisce con la vostra vita causando sintomi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.