Come affrontare il nervosismo premestruale

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il ciclo mestruale provoca numerosi sintomi alquanto irritanti ed uno dei fastidi più tipici che si manifesta circa 7 giorni prima è il nervosismo premestruale. Questo disturbo causa ansia, stress e forte tensione in ciascuna donna. Riuscire a contrastare bene il nervosismo premestruale non rappresenta sicuramente una cosa semplice ed immediata. Qualora vogliate trovare alcuni metodi per calmarlo, vi basterà leggere questo tutorial sul mondo femminile. Nei passaggi che seguono vi spiegherò appunto come bisogna affrontare il nervosismo premestruale.

27

Occorrente

  • Attività sportiva
  • Cibo sano
  • Massaggi
  • Bagno caldo
  • Medico generico o ginecologo
  • Riposo pomeridiano
37

Non sottovalutare lo stato di nervosismo e cercare di ridurlo

Spesso il nervosismo premestruale causa in tante donne un'agitazione talmente elevata che esagerano nei comportamenti, fino a rovinare le classiche situazioni di routine. La gestione di questa irritabilità non è semplice, ma bisogna calmarla. Man mano che il ciclo mestruale si avvicina, lo stress ed il potente nervosismo tendono ad aumentare. I nervi accumulati riescono poi a ridursi naturalmente al termine del periodo ovarico. Durante quest'ultimo è comunque preferibile seguire qualche accorgimento, per non rischiare di esagerare in determinate occasioni. Precisamente occorre svolgere diverse attività (sport, corsa, yoga, pilates, rilassamento del corpo e riposo della mente).

47

Consultare un medico generico o ginecologo e fare varie attività (sport, massaggi, passeggiate, bagno caldo e cyclette)

Nella vostra abitazione è presente una cyclette? Vi consiglio di fare un po' di esercizio fisico, magari guardando il vostro film preferito o ascoltando la vostra musica prediletta. Fate anche un riposino pomeridiano ogni giorno, se ne avete l'opportunità. Quando non riuscite a gestire totalmente l'ansia, rivolgetevi al vostro medico generico o ginecologo. Non sperimentate cariche di medicinali o calmanti senza averlo consultato. Fate un bagno caldo rilassante due volte alla settimana e concedetevi del relax con le amiche. Non pensate troppo al ciclo mestruale facendo una passeggiata rilassante oppure una seduta di massaggi. Non concentratevi su problemi generalmente inesistenti consumando un buon tè in compagnia di chi amate.

Continua la lettura
57

Consumare alimenti non grassi e bevande salutari, compiendo inoltre dell'attività fisica

In questo modo, affrontare il nervosismo premestruale risulterà meno complicato. L'ansia e lo stress determinati dal ciclo mestruale possono condurre agitazione, insonnia, stanchezza, difficoltà di concentrazione e/o sbalzi d'umore costanti. Alcuni studi hanno dimostrato che numerosi alimenti permettono la riduzione del nervosismo premestruale con i sintomi connessi. Dovete mangiare cibi aventi pochi grassi (come ad esempio la frutta) e consumare molte tisane o camomille. In questo modo potrete rilassarvi a livello sia fisico che mentale. Per scaricare la tensione e non accumulare nervi, vi consiglio di fare tanta attività fisica durante il momento premestruale.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non assumere medicinali o calmanti senza il consulto medico.
  • Non mangiare prodotti alimentari con troppi grassi e poco digeribili.
  • Consumare più tisane e/o camomille possibili.
  • Fare passeggiate rilassanti, massaggi, attività sportiva, bagni caldi e yoga o pilates.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

5 consigli per affrontare le montagne russe

Molto spesso molte persone ricercano adrenalina e nuove forme di stimoli. Ma non tutti sono per il rischio o comunque per un qualcosa che li scombussola rispetto alla normale vita. Quindi quale forma di adrenalina e sicura allo stesso tempo si può affrontare?...
Psicologia

Come affrontare la morte di un nonno

I nonni, in molti casi, sono figure fondamentali nella nostra vita fin dal primo giorno in cui siamo venuti al mondo, nel momento in cui un nonno/a viene a mancare, ci troviamo ad affrontare un lutto veramente grande e difficile da superare soprattutto...
Psicologia

5 modi per affrontare gli esami universitari

Gli esami sono un ostacolo costante nella vita di ogni studente, e nel caso di quelli universitari riescono a suscitare forse il maggior carico d'ansia e timore rispetto a quelli delle scuole inferiori. Infatti, in vista di uno o più esami universitario...
Psicologia

Come affrontare l'ansia del primo giorno di lavoro

Dopo tanta fatica e tanta preparazione, finalmente anche noi abbiamo un lavoro. Trovare un impiego è l'obiettivo fondamentale per garantirsi una vita indipendente. Ha inizio una nuova esistenza, in cui sfruttare tutte le nostre migliori conoscenze e...
Psicologia

Come affrontare la morte di un fratello

Come vedremo nel corso di questa guida, la scomparsa di una persona cara, di un genitore o di un fratello, è sempre un evento traumatico che richiede un lungo tempo di elaborazione del dolore. Tutti noi sappiamo come la malattia o in generale la morte...
Psicologia

Come affrontare un intervento chirurgico

Il corpo umano è una macchina finemente regolata, composta da diversi organi e tessuti che, in concomitanza, ne permettono il funzionamento e l'interazione con il mondo esterno. I problemi di salute sono tra le cose più difficoltose da affrontare nella...
Psicologia

Come affrontare la paura di viaggiare da soli

Questa guida fornirà le basi per poter trovare la forza per affrontare la paura di intraprendere un viaggio da soli. Le tecniche qui descritte saranno altresì utili non solo per chi sperimenta alti livelli di ansia e malessere laddove sia costretto...
Psicologia

Come affrontare i tic nervosi

I tic nervosi sono un problema molto serio che può coinvolgere sia gli adulti che i bambini. È di fondamentale importanza cercare di risolvere questo inconveniente il prima possibile, al fine di evitare di andare incontro a gravi conseguenze o, comunque,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.