Come affrontare i tic nervosi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I tic nervosi sono movimenti involontari, spasmodici e ripetitivi dovuti a contrazioni di gruppi di muscoli che svolgono la stessa funzione. Questo problema abbastanza serio può coinvolgere sia gli adulti che i bambini. Generalmente i tic insorgono nel corso dell'infanzia tra i 5 ed i 9 anni con un picco d'incidenza attorno ai 7 anni. I maschi ne sono affetti con frequenza 3 volte maggiore rispetto alle femmine. I I bambini affetti da tic possono presentare anche balbuzie, deficit di attenzione, disturbi nell'apprendimento e difficoltà di concentrazione. È importante cercare di risolvere questo inconveniente il prima possibile per evitare di andare incontro a gravi conseguenze o ad una serie di complicazioni. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come è possibile affrontare i tic nervosi.

25

Sindrome

Ci sono delle vere e proprie sindrome che sfociano in tic abbastanza complessi. In questi casi il soggetto non è in grado di controllare le sue espressioni corporee in quanto diventano invasive. La persona non si limita a compiere un singolo gesto ripetitivo ogni tanto. Egli associa a movimenti complessi scariche di parole scurrili oppure ripetizioni di vocaboli che non hanno alcun senso logico con il resto del discorso. Altro atteggiamento tipico è quello di ripetere a "pappagallo" le ultime parole pronunciate dall'interlocutore (ecolalia). La sindrome si acuisce in particolari situazioni di ansia e stress. È importante allora cercare di non fare sentire a disagio la persona che vive questa problematica. Infatti, se egli si sente a disagio può aumentare sia la frequenza che l'intensità del tic.

35

Cause

Successivamente è indispensabile capire quale è la causa oppure le cause che scatenano nel soggetto le contrazioni involontarie. Un attento esame psicologico o pediatrico è fondamentale per scongiurare la presenza di eventuali cause organiche. Dopo l'esclusione di queste ultime si possono affrontare quelle psicologiche. In questo caso i tic sono dovuti a stanchezza, insicurezza, paura oppure rabbia. A volte si tratta di bambini che hanno subito costrizioni fisiche nel corso dell'infanzia. Altre volte i bambini possono aver subito delle aggressioni punitive. Può succedere che di fronte a queste situazioni compaia all'improvviso il tic. Nelle forme autolesive il bambino rivolge il tic verso di sé. Egli si strappa i capelli, si rosicchia le unghie, sbatte la testa contro il muro. In alcuni casi è necessario il parere di un esperto.

Continua la lettura
45

Intervento

Il bambino comunica attraverso il tic il proprio disagio. È opportuno fare un'indagine familiare e personale accompagnata da un intervento psico-educativo per comprendere il disturbo. A volte basta dare alcuni suggerimenti ai familiari, ad esempio indurli ad una condotta di attesa. Bisogna invitarla a prestare poca attenzione al caso permettendo al bambino di esprimersi come vuole. Generalmente sono proprio lo stress e le tensioni dei familiari a provocare nel soggetto ansia. Al tic si accompagnano spesso sentimenti di vergogna di frustrazione in seguito al rifiuto degli altri ed all'ansia per il timore che il tic si possa manifestare in pubblico. Se il tic persiste per oltre un anno (tic complesso) bisogna effettuare un intervento psicoterapeutico da integrare eventualmente farmacologico. I farmaci devono essere somministrati sotto stretto controllo specialistico. L'intervento farmacologico va riservato ai casi più gravi, specialmente se associati a disturbi comportamentali.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

5 consigli per affrontare le montagne russe

Molto spesso molte persone ricercano adrenalina e nuove forme di stimoli. Ma non tutti sono per il rischio o comunque per un qualcosa che li scombussola rispetto alla normale vita. Quindi quale forma di adrenalina e sicura allo stesso tempo si può affrontare?...
Psicologia

Come affrontare la morte di un nonno

I nonni, in molti casi, sono figure fondamentali nella nostra vita fin dal primo giorno in cui siamo venuti al mondo, nel momento in cui un nonno/a viene a mancare, ci troviamo ad affrontare un lutto veramente grande e difficile da superare soprattutto...
Psicologia

5 modi per affrontare gli esami universitari

Gli esami sono un ostacolo costante nella vita di ogni studente, e nel caso di quelli universitari riescono a suscitare forse il maggior carico d'ansia e timore rispetto a quelli delle scuole inferiori. Infatti, in vista di uno o più esami universitario...
Psicologia

Come affrontare l'ansia del primo giorno di lavoro

Dopo tanta fatica e tanta preparazione, finalmente anche noi abbiamo un lavoro. Trovare un impiego è l'obiettivo fondamentale per garantirsi una vita indipendente. Ha inizio una nuova esistenza, in cui sfruttare tutte le nostre migliori conoscenze e...
Psicologia

Come affrontare la morte di un fratello

Come vedremo nel corso di questa guida, la scomparsa di una persona cara, di un genitore o di un fratello, è sempre un evento traumatico che richiede un lungo tempo di elaborazione del dolore. Tutti noi sappiamo come la malattia o in generale la morte...
Psicologia

Come affrontare il nervosismo premestruale

Il nervosismo è una condizione unica, ma che generalmente si forma attraverso anni di esperienza e genetica; ma mentre occasionalmente possono esserci alcuni fattori di salute esterni o fisici, esso è spesso causato da processi di pensiero errati. Ma...
Psicologia

Come affrontare un intervento chirurgico

Il corpo umano è una macchina finemente regolata, composta da diversi organi e tessuti che, in concomitanza, ne permettono il funzionamento e l'interazione con il mondo esterno. I problemi di salute sono tra le cose più difficoltose da affrontare nella...
Psicologia

Come affrontare la paura di viaggiare da soli

Questa guida fornirà le basi per poter trovare la forza per affrontare la paura di intraprendere un viaggio da soli. Le tecniche qui descritte saranno altresì utili non solo per chi sperimenta alti livelli di ansia e malessere laddove sia costretto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.