Cerfoglio selvatico: utilizzi e proprietà curative

Tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il cerfoglio selvatico (conosciuto scientificamente con il termine di Chaerophyllum Hirsutum) è una pianta appartenente alla categoria delle “Apiacee”, diffusa maggiormente in Europa e in alcune zone dell’Asia meridionale. E’ originaria della Russia ma grazie agli antichi romani è giunta anche nel continente europeo. Cresce nei boschi in maniera spontanea essendo una varietà di pianta selvatica. Questa guida vi spiegherà, attraverso i passi successivi, quali sono gli utilizzi e le proprietà curative di questa pianta.

24

Il cerfoglio selvatico gradisce maggiormente il clima mediterraneo; predilige la coltivazione in zone ombreggiate. Quest’arbusto può raggiungere un’altezza massima 70/80 centimetri; le sue foglie hanno una forma che somiglia a quella del quadrifoglio e sono di colore verde scuro sebbene in autunno diventino rossicce. Al termine della stagione estiva il cerfoglio può avere delle infiorescenze bianche. I frutti sono dei minuscoli semi scuri di circa due centimetri simili a quelli della felce.

34

Vediamo gli utilizzi…L’uso più diffuso è quello nell’ambito della ristorazione poiché ha un profumo molto particolare e delicato (simile al prezzemolo). E’ utilizzato maggiormente in Francia e in Italia in quanto è un ottimo condimento di zuppe a base di carne e pesce. L’unica pecca è che non può essere congelato ed essiccato perché perde facilmente il suo profumo. Nel settore medico è capace di portare molteplici benefici sulla circolazione, riesce a depurare il fegato. Le sue radici sono capaci di ostacolare/allievare la depressione. Nella cosmesi è adoperato per decongestionare l’arrossamento degli occhi e per preparare maschere per la belazione diuretica e depurativa. Per avere queste beneficenze basta fare degli impacchi sul viso e sul punto nel quale si avverte il fastidio/dolore. Le foglie sono impiegate crude per aromatizzare minestre, insalate e salse. E’ utilizzato anche per allontanare insetti (formiche, zanzare, mosche). In fitoterapia e in erboristeria riesce a sciogliere il raffreddore, il catarro.

Continua la lettura
44

Vediamo le sue proprietà…Il cerfoglio selvatico è colmo di vitamina A e C, importantissime per prevenire le influenze e i problemi alla vista (in quanto ricco di carotene). Esso è ricco di importanti minerali quali il magnesio e il ferro. Per le sue peculiarità emollienti è adoperato in medicina per curare contusioni, gonfiori, arrossamenti, punture d’insetti, geloni. Inoltre al suo interno sono presenti molteplici oli essenziali.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Calendula arvensis: utilizzi e proprietà curative

Il nome di Calendula arvensis vi dirà poco o nulla: in effetti questa pianta, che appartiene alla famiglia delle Astaraceae, è molto più nota con il nome di fiorrancio selvatico. È presente in quasi tutti i paesi del bacino del mediterraneo, Italia...
Rimedi Naturali

Lunaria annua: utilizzi e proprietà curative

La lunaria annua (conosciuta popolarmente con il termine di “Moneta del Papa”) è una pianta facente parte della famiglia delle “Brassicaceae”. Fu classificata per la prima volta dal famoso biologo Carl Von Linné ed è conosciuta anche con la...
Rimedi Naturali

Le proprietà curative del finocchietto selvatico

Il nome scientifico del finocchietto selvatico è Foeniculum vulgare Miller, appartiene alla famiglia delle Apiaceae. È una pianta spontanea in tutta la regione mediterranea, per questo motivo viene chiamato comunemente finocchio selvatico, dai suoi...
Rimedi Naturali

Erba di San Pietro: Utilizzi e proprietà curative

L’erba di San Pietro (conosciuta scientificamente con il nome di Tanacetum Balsamita) è una pianta che appartiene alla famiglia delle “Composite”. Quest’arbusto è originario del Caucaso e dell’Asia Occidentale. In alcune zone dell’Italia...
Rimedi Naturali

Calamo aromatico: utilizzi e proprietà curative

Il calamo aromatico, comunemente detto "canna odorosa", è un pianta di origine asiatica ma presente anche in Europa. Può raggiungere un'altezza massima di un metro e le sue verdi foglie hanno una forma eretta e lineare. I frutti sono delle bacche di...
Rimedi Naturali

Erba brusca: utilizzi e proprietà curative

L’acetosa è una pianta erbacea perenne che si trova in tutta Italia. La troviamo anche in Europa e dove il clima è prettamente freddo come in Asia e nell'America del Nord. Come la maggior parte dei vegetali il botanico svedese Carl Nilsson Linnaus...
Rimedi Naturali

Lassana: usi e proprietà curative

La lassana (conosciuta scientificamente con il termine di Lapsana Communis) è una pianta erbacea spermatofita facente parte della famiglia delle “Asteraceae”. È conosciuta anche con la denominazione di “cavoletto selvatico”. Il suo nome deriva...
Rimedi Naturali

Enagra comune: usi e proprietà curative

L’enagra comune (conosciuta scientificamente con il termine di Oenothera Biennis) è un arbusto che appartiene alla categoria delle “Onagraceae”. Uno dei primi a studiarla e catalogarla fu Carl Von Linné, meglio conosciuto con il nome di Linneo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.