Caprifoglio giapponese: usi e proprietà curative

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il caprifoglio giapponese o Lonicera Japonica è un arbusto rampicante. Appartiene alle Caprifoliaceae. Il naturalista e botanico svedese Carl Peter Thunberg ne classificò per primo la specie. La pianta vanta numerose proprietà curative. In fitoterapia, viene impiegata per le infezioni respiratorie, i raffreddori, la dissenteria, le infiammazioni del tratto intestinale. Il caprifoglio giapponese è tipico delle zone esotiche-asiatiche. Si sviluppa bene in ambienti freddi, per usi ornamentali, economici e medicinali.

27

Occorrente

  • Caprifoglio giapponese
37

Il caprifoglio giapponese è una pianta legnosa rampicante e sempreverde. Raggiunge senza difficoltà i quattro metri d'altezza. Tipico di Cina e Giappone si adatta perfettamente ad ambienti freddi come esotici. Le foglie dalla forma ovata, sono lanuginose e verdastre. I fiori sono tubolosi, bianchi ed in coppie. I frutti invece si presentano in bacche nere, non commestibili. Il caprifoglio giapponese ama i terreni normali (preferibilmente non coltivati). Fiorisce da agosto ad ottobre, regalando uno spettacolo fantastico.

47

Il caprifoglio giapponese è una pianta rampicante ornamentale. Vanta numerose proprietà curative. L'arbusto, in particolare i fiori, contengono importanti sostanze. Si riscontrano pertanto acido salicilico, glucosidi, oli essenziali, tannini e flavonoidi. Tutti questi elementi attribuiscono all'arbusto proprietà lenitive, disarrossanti, antimicrobiche, febbrifughe. Inoltre, antibatteriche, antispasmodiche, antinfiammatorie, diuretiche e depurative. Il caprifoglio giapponese è ideale per usi esterni ed interni. Combatte patologie respiratorie, raffreddori, faringiti, dissenterie, diarrea, vomito, problemi intestinali, tonsilliti, gotta ed epatiti.

Continua la lettura
57

Il caprifoglio giapponese viene molto apprezzato dagli esperti. Si può utilizzare come infuso e/o decotto. Le preparazioni sfruttano in particolare i fiori e le foglie, le parti più tenere. Pertanto, in un pentolino fare bollire l'acqua con circa dieci grammi. Utilizzare la pianta fresca oppure secca. In quest'ultimo caso, disidratare al sole. In alternativa, acquistare i sacchetti in erboristeria. Filtrare con un colino dalle maglie strette e bere l'infuso ancora caldo. Ad uso esterno, invece, bollire le foglie ed applicarle sulle ferite. Tuttavia, mai esagerare con i dosaggi. Questo prodotto naturale, potrebbe presentare effetti collaterali. Si registrano insufficienza renale, fibrosi ed atrofia ai reni.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non superare le dosi consigliate
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Vilucchio comune: usi e proprietà curative

Convolvulus Arvensis è il nome scentifico della pianta che comunemente viene chiamata convolvolo oppure vilucchio comune. Le sue origini si trovano nel continente asiatico ed europeo, per cui in Italia è largamente diffuso. Essa è una pianta selvatica...
Rimedi Naturali

Nocciolo: usi e proprietà curative

Il nocciolo (conosciuto nel gergo scientifico con il nome di Corylus Avellana) è un arbusto facente parte della famiglia delle "Betulaceae". Il suo nome deriva del greco "kurl" ed è originaria del paese di Avella, una città in provincia di Avellino....
Rimedi Naturali

Farinaccio: usi e proprietà curative

Il farinaccio (conosciuto scientificamente con il termine di Chenopodium Album e comunemente con la denominazione "farinello comune") è una pianta erbacea molto comune che fa parte della categoria delle "Amaranthaceae". Si può trovare soprattutto lungo...
Rimedi Naturali

Assenzio selvatico: usi e proprietà curative

L’Artemisia Vulgaris o assenzio selvatico appartiene alle Asteracee. La pianta erbacea infestante vegeta nei campi incolti, lungo i fiumi ed i torrenti. Dalle foglie pennatofide, il fusto legnoso e rossastro, possiede fiori giallognoli. La pianta si...
Rimedi Naturali

Ortica bianca: usi e proprietà curative

L'ortica bianca, è un arbusto che fa parte della famiglia delle Lamiaceae. Scientificamente essa è conosciuta con il termine di Lamium Album. Inoltre, è considerata dagli esperti una pianta piccola perenne e specialmente erbacea. In questo articolo,...
Rimedi Naturali

Uva turca: usi e proprietà curative

L’ uva turca (conosciuto scientificamente con il termine di Phytolacca decandra) è un arbusto che fa parte della specie delle “Phytolaccaceae. Il famoso Carl Von Linné fu il primo esperto botanico a scoprire tale pianta, reputandola “ricca di...
Rimedi Naturali

Robinia: usi e proprietà curative

La robinia (conosciuta col nome scientifico di Robinia Pseudoacacia) è una piantagione originaria dell’America Settentrionale ed appartenente alla famiglia delle “Fabaceae”. Essa fu portata in Europa grazie al famoso giardiniere Jean Robin in onore...
Rimedi Naturali

Crescione d'acqua: usi e proprietà curative

Il crescione d’acqua (conosciuto scientificamente con il termine di Nasturtium Officinale) è una pianta facente parte della famiglia delle “Brassicaceae”. La prima persona che la descrisse e la classificò fu il famoso botanico Robert Brown che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.