Cannuccia di palude: usi e proprietà curative

Tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La cannuccia di palude, conosciuta scientificamente con la denominazione di Phragmites Australis, rappresenta un arbusto appartenente alla categoria delle Poaceae", delle piante prettamente angiosperme e monocotiledoni. In questa breve ma esauriente guida vi spiegheremo, attraverso vari passaggi, quali sono le proprietà curative e gli usi principali di questa famosa piantagione.

24

A seguire, andiamo a vedere le sue caratteristiche fondamentali. La cannuccia di palude è anche rinomata con i termini di "Canna palustre", di "Canna di spazzole" e di "Canna di palude". Stiamo parlando di un arbusto perenne ed erbaceo, che può anche raggiungere la massima altezza di quatto metri. Questa presenta, inoltre, un fusto abbastanza dritto, robusto e ramificato. Le sue foglie sono prevalentemente lanceolate, dall'aspetto lineare, larghe circa quattro centimetri e sono di colore grigiastro. Per quanto concerne il suo fiore, nasce sotto forma di pannocchia pendente con un colore che varia dal viola al bruno. Il frutto, invece, assomiglia molto ad una minuscola cariosside. La canna palustre fiorisce dal mese di giugno a quello di settembre, quindi durante la stagione estiva. È una pianta originaria e diffusa in tutto quanto il mondo, in particolar modo nella nostra penisola. Tra l'altro, predilige vegetare nelle paludi, in acque poco profonde, nei terreni che presentano un elevato livello di umidità, quindi in stagni, nei ruscelletti e nelle sponde fluviali.

34

A questo punto, passiamo ad analizzare le sue rinomate proprietà curative. La maggior parte delle parti della canna di palude, specialmente il rizoma, è abbondante di sostanze amare, di resine, di sali di potassio e di alacaloidi. Grazie a questi elementi, tale pianta presenta le peculiarità carminative, aperitive, febbrifughe, diuretiche, digestive, stimolanti e sudorifere. Per queste peculiarità essa viene utilizzata, prevalentemente, per trattare varie forme patologiche. Siamo parlando delle gotte, dei reumatismi, della gonorrea, dei vermi, della sifilide, dell'anoressia, della stitichezza, dei problemi dispeptici, delle coliche a livello epatico, di vari stati infettivi a carico delle vie urinarie, degli stati influenzali, dei raffreddori, delle bronchiti, della nausea, delle artriti e delle forme di epatiti. Quindi, come vedete, presenta molti importantissimi utilizzi.

Continua la lettura
44

A questo punto, possiamo esaminare i suoi utilizzi, nel dettaglio. La cannuccia di palude viene impiegata in differenti settori, dal momento che è particolarmente utilizzata in parecchi campi. Nel settore della ristorazione, ad esempio, i germogli ed i semi dei frutti possono essere inseriti, sia cotti che crudi, all'interno delle insalate. Invece, nel campo ecologico la pianta è molto utile per eseguire la pulizia e la purificazione delle acque, dal momento che è in grado di assorbire le differenti impurità presenti. Nella fitoterapia ed in erboristeria si possono realizzare degli ottimi infusi decotti, in modo da poter facilitare il processo della diuresi. Per effettuare tutto ciò, è necessario mettere a bollire praticamente tutte le parti della pianta all’interno di un pentolino. Una volta che il tutto ha raggiunto la fase di ebollizione, è necessario filtrarlo e berne due tazze al giorno. Infine, diamo per scontato che non è necessario esagerare con le dosi per evitare potenziali spiacevoli effetti non desiderati.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Vilucchio comune: usi e proprietà curative

Convolvulus Arvensis è il nome scentifico della pianta che comunemente viene chiamata convolvolo oppure vilucchio comune. Le sue origini si trovano nel continente asiatico ed europeo, per cui in Italia è largamente diffuso. Essa è una pianta selvatica...
Rimedi Naturali

Nocciolo: usi e proprietà curative

Il nocciolo (conosciuto nel gergo scientifico con il nome di Corylus Avellana) è un arbusto facente parte della famiglia delle "Betulaceae". Il suo nome deriva del greco "kurl" ed è originaria del paese di Avella, una città in provincia di Avellino....
Rimedi Naturali

Assenzio selvatico: usi e proprietà curative

L’Artemisia Vulgaris o assenzio selvatico appartiene alle Asteracee. La pianta erbacea infestante vegeta nei campi incolti, lungo i fiumi ed i torrenti. Dalle foglie pennatofide, il fusto legnoso e rossastro, possiede fiori giallognoli. La pianta si...
Rimedi Naturali

Ortica bianca: usi e proprietà curative

L'ortica bianca, è un arbusto che fa parte della famiglia delle Lamiaceae. Scientificamente essa è conosciuta con il termine di Lamium Album. Inoltre, è considerata dagli esperti una pianta piccola perenne e specialmente erbacea. In questo articolo,...
Rimedi Naturali

Caprifoglio giapponese: usi e proprietà curative

Il caprifoglio giapponese o Lonicera Japonica è un arbusto rampicante. Appartiene alle Caprifoliaceae. Il naturalista e botanico svedese Carl Peter Thunberg ne classificò per primo la specie. La pianta vanta numerose proprietà curative. In fitoterapia,...
Rimedi Naturali

Farinaccio: usi e proprietà curative

Il farinaccio (conosciuto in ambito scientifico con il termine di Chenopodium Album, ma ordinariamente denominato "farinello comune") è una pianta erbacea di facile reperibilità, che fa parte della categoria delle "Amaranthaceae". Trovare questo vegetale...
Rimedi Naturali

Uva turca: usi e proprietà curative

L’ uva turca (conosciuto scientificamente con il termine di Phytolacca decandra) è un arbusto che fa parte della specie delle “Phytolaccaceae. Il famoso Carl Von Linné fu il primo esperto botanico a scoprire tale pianta, reputandola “ricca di...
Rimedi Naturali

Enagra comune: usi e proprietà curative

L’enagra comune (conosciuta scientificamente con il termine di Oenothera Biennis) è un arbusto che appartiene alla categoria delle “Onagraceae”. Uno dei primi a studiarla e catalogarla fu Carl Von Linné, meglio conosciuto con il nome di Linneo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.