Calendula arvensis: utilizzi e proprietà curative

Tramite: O2O 30/08/2017
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il nome di Calendula arvensis vi dirà poco o nulla: in effetti questa pianta, che appartiene alla famiglia delle Astaraceae, è molto più nota con il nome di fiorrancio selvatico. È presente in quasi tutti i paesi del bacino del mediterraneo, Italia inclusa, ed è molto facile incontrarla, dal momento che cresce spesso ai bordi delle nostre aree coltivate, ma riesce a resistere anche a quote piuttosto elevate (oltre i 1000 metri). Molti popoli antichi, come i Greci e gli Egizi, già utilizzavano questa pianta a scopo terapeutico, poiché, essendo ricca di proprietà curative, ha un gran numero di utilizzi in campo medico.

24

Come si presenta la pianta

La Calendula arvensis è una pianta annual con un fusto eretto che può raggiungere un'altezza massima di cinquanta centimetri; per quanto riguarda le foglie, sono alternate e spatolate, e sono coperte da una lieve peluria. L'infiorescenza è costituita da un capolino dall tinta arancione. La fioritura parte nei mesi di maggio e di settembre, e i frutti crescono sotto forma di cipsele.

34

Proprietà della pianta

Numerose sono le proprietà benefiche della Calendula arvensis, grazie a numerosi elementi curativi in essa presenti: elencarli tutti è impossibile, ma ricordiamo che tra essi vi sono i flavonoidi, le resine, numerosi essenziali e, anche, il carotene, che conferisce il carattersitico-colore giallo arancio. Non è un caso, dunque, che essa già molti anni fa era considerata una vera e propria manna dal cielo.

Continua la lettura
44

Utilizzi della pianta

Grazie a tutte le peculiarità elencate nei passi precedenti, la calendula arvensis funge principalmente da antinfiammatorio, cicatrizzante, rinfrescante, lenitivo, emolliente, antisettico, immunostimolante, riepitelizzante. In campo terapeutico ed erboristico, infusi e polveri di questa pianta rendono più attivo e libero il flusso sanguigno, riducono la nascita dei radicali liberi, regolano tutte le funzioni cardiovascolari, controllano la sudorazione e rilassano i muscoli. Le creme prodotte da questa pianta risolvono dermatiti, pruriti ed eritemi; per via orale trattano afte, stomatiti, gengiviti e paradentiti. In cucina invece, il fiorrancio selvatico viene sostituito allo zafferano in quanto dà ai piatti un colore giallastro. Si inserisce in piatti cotti al forno, nel riso, nelle salse; i petali possono inserirsi in insalate e creme. In campo agricolo essa è adoperata come concime naturale ed antiparassitario (specialmente nelle coltivazioni di fragole e patate) poiché le sue radici, penetrando sotto terra, danno una maggiore ventilazione al terreno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Cerfoglio selvatico: utilizzi e proprietà curative

Il cerfoglio selvatico (conosciuto scientificamente con il termine di Chaerophyllum Hirsutum) è una pianta appartenente alla categoria delle “Apiacee”, diffusa maggiormente in Europa e in alcune zone dell’Asia meridionale. E’ originaria della...
Rimedi Naturali

Erba di San Pietro: Utilizzi e proprietà curative

L’erba di San Pietro (conosciuta scientificamente con il nome di Tanacetum Balsamita) è una pianta che appartiene alla famiglia delle “Composite”. Quest’arbusto è originario del Caucaso e dell’Asia Occidentale. In alcune zone dell’Italia...
Rimedi Naturali

Calamo aromatico: utilizzi e proprietà curative

Il calamo aromatico, comunemente detto "canna odorosa", è un pianta di origine asiatica ma presente anche in Europa. Può raggiungere un'altezza massima di un metro e le sue verdi foglie hanno una forma eretta e lineare. I frutti sono delle bacche di...
Rimedi Naturali

Erba brusca: utilizzi e proprietà curative

L’acetosa è una pianta erbacea perenne che si trova in tutta Italia. La troviamo anche in Europa e dove il clima è prettamente freddo come in Asia e nell'America del Nord. Come la maggior parte dei vegetali il botanico svedese Carl Nilsson Linnaus...
Rimedi Naturali

Vilucchio comune: usi e proprietà curative

Convolvulus Arvensis è il nome scentifico della pianta che comunemente viene chiamata convolvolo oppure vilucchio comune. Le sue origini si trovano nel continente asiatico ed europeo, per cui in Italia è largamente diffuso. Essa è una pianta selvatica...
Rimedi Naturali

Enagra comune: usi e proprietà curative

L’enagra comune (conosciuta scientificamente con il termine di Oenothera Biennis) è un arbusto che appartiene alla categoria delle “Onagraceae”. Uno dei primi a studiarla e catalogarla fu Carl Von Linné, meglio conosciuto con il nome di Linneo,...
Rimedi Naturali

Farinaccio: usi e proprietà curative

Il farinaccio (conosciuto in ambito scientifico con il termine di Chenopodium Album, ma ordinariamente denominato "farinello comune") è una pianta erbacea di facile reperibilità, che fa parte della categoria delle "Amaranthaceae". Trovare questo vegetale...
Rimedi Naturali

Cannuccia di palude: usi e proprietà curative

La cannuccia di palude, conosciuta scientificamente con la denominazione di Phragmites Australis, rappresenta un arbusto appartenente alla categoria delle Poaceae", delle piante prettamente angiosperme e monocotiledoni. In questa breve ma esauriente...