Calendula arvensis: utilizzi e proprietà curative

Tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il nome di Calendula arvensis vi dirà poco o nulla: in effetti questa pianta, che appartiene alla famiglia delle Astaraceae, è molto più nota con il nome di fiorrancio selvatico. È presente in quasi tutti i paesi del bacino del mediterraneo, Italia inclusa, ed è molto facile incontrarla, dal momento che cresce spesso ai bordi delle nostre aree coltivate, ma riesce a resistere anche a quote piuttosto elevate (oltre i 1000 metri). Molti popoli antichi, come i Greci e gli Egizi, già utilizzavano questa pianta a scopo terapeutico, poiché, essendo ricca di proprietà curative, ha un gran numero di utilizzi in campo medico.

24

Come si presenta la pianta

La Calendula arvensis è una pianta annual con un fusto eretto che può raggiungere un'altezza massima di cinquanta centimetri; per quanto riguarda le foglie, sono alternate e spatolate, e sono coperte da una lieve peluria. L'infiorescenza è costituita da un capolino dall tinta arancione. La fioritura parte nei mesi di maggio e di settembre, e i frutti crescono sotto forma di cipsele.

34

Proprietà della pianta

Numerose sono le proprietà benefiche della Calendula arvensis, grazie a numerosi elementi curativi in essa presenti: elencarli tutti è impossibile, ma ricordiamo che tra essi vi sono i flavonoidi, le resine, numerosi essenziali e, anche, il carotene, che conferisce il carattersitico-colore giallo arancio. Non è un caso, dunque, che essa già molti anni fa era considerata una vera e propria manna dal cielo.

Continua la lettura
44

Utilizzi della pianta

Grazie a tutte le peculiarità elencate nei passi precedenti, la calendula arvensis funge principalmente da antinfiammatorio, cicatrizzante, rinfrescante, lenitivo, emolliente, antisettico, immunostimolante, riepitelizzante. In campo terapeutico ed erboristico, infusi e polveri di questa pianta rendono più attivo e libero il flusso sanguigno, riducono la nascita dei radicali liberi, regolano tutte le funzioni cardiovascolari, controllano la sudorazione e rilassano i muscoli. Le creme prodotte da questa pianta risolvono dermatiti, pruriti ed eritemi; per via orale trattano afte, stomatiti, gengiviti e paradentiti. In cucina invece, il fiorrancio selvatico viene sostituito allo zafferano in quanto dà ai piatti un colore giallastro. Si inserisce in piatti cotti al forno, nel riso, nelle salse; i petali possono inserirsi in insalate e creme. In campo agricolo essa è adoperata come concime naturale ed antiparassitario (specialmente nelle coltivazioni di fragole e patate) poiché le sue radici, penetrando sotto terra, danno una maggiore ventilazione al terreno.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Cerfoglio selvatico: utilizzi e proprietà curative

Il cerfoglio selvatico (conosciuto scientificamente con il termine di Chaerophyllum Hirsutum) è una pianta appartenente alla categoria delle “Apiacee”, diffusa maggiormente in Europa e in alcune zone dell’Asia meridionale. E’ originaria della...
Rimedi Naturali

Erba di San Pietro: Utilizzi e proprietà curative

L’erba di San Pietro (conosciuta scientificamente con il nome di Tanacetum Balsamita) è una pianta che appartiene alla famiglia delle “Composite”. Quest’arbusto è originario del Caucaso e dell’Asia Occidentale. In alcune zone dell’Italia...
Rimedi Naturali

Calamo aromatico: utilizzi e proprietà curative

Il calamo aromatico, comunemente detto "canna odorosa", è un pianta di origine asiatica ma presente anche in Europa. Può raggiungere un'altezza massima di un metro e le sue verdi foglie hanno una forma eretta e lineare. I frutti sono delle bacche di...
Rimedi Naturali

Erba brusca: utilizzi e proprietà curative

L’acetosa è una pianta erbacea perenne che si trova in tutta Italia. La troviamo anche in Europa e dove il clima è prettamente freddo come in Asia e nell'America del Nord. Come la maggior parte dei vegetali il botanico svedese Carl Nilsson Linnaus...
Rimedi Naturali

Vilucchio comune: usi e proprietà curative

Convolvulus Arvensis è il nome scentifico della pianta che comunemente viene chiamata convolvolo oppure vilucchio comune. Le sue origini si trovano nel continente asiatico ed europeo, per cui in Italia è largamente diffuso. Essa è una pianta selvatica...
Rimedi Naturali

Farinaccio: usi e proprietà curative

Il farinaccio (conosciuto scientificamente con il termine di Chenopodium Album e comunemente con la denominazione "farinello comune") è una pianta erbacea molto comune che fa parte della categoria delle "Amaranthaceae". Si può trovare soprattutto lungo...
Rimedi Naturali

Enagra comune: usi e proprietà curative

L’enagra comune (conosciuta scientificamente con il termine di Oenothera Biennis) è un arbusto che appartiene alla categoria delle “Onagraceae”. Uno dei primi a studiarla e catalogarla fu Carl Von Linné, meglio conosciuto con il nome di Linneo,...
Rimedi Naturali

Cannuccia di palude: usi e proprietà curative

La cannuccia di palude, conosciuta scientificamente con la denominazione di Phragmites Australis, rappresenta un arbusto appartenente alla categoria delle Poaceae", delle piante prettamente angiosperme e monocotiledoni. In questa breve ma esauriente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.