Breve anatomia dei pettorali

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I muscoli pettorali: breve anatomia dei pettorali, i muscoli estrinseci fanno parte dei muscoli toracoappendicolari che nascono dalle coste e dallo sterno ed arrivano alle ossa del cingolo torace e l'omero. Messo anteriormente nel torace troviamo: il Muscolo grande pettorale è di forma triangolare molto spesso e robusto, costituisce parte anteriore del cavo ascellare.

25

Praticamente il muscolo pettorale grande si colloca nella zona anteriore della zona toracica, nella parte più bassa della mammella, (nelle donne) che ha contatto diretto con la mammella che lo riveste. Dal grande pettorale è disposto in modo da essere nascosto e aiuta a formare il cavo dell'ascella. Importante la muscolatura del grande pettorale molto spesso e forte è ha un forma triangolare, se il braccio è inarcato ha una forma quadrangolare se il braccio è pendente. Le fibre favoriscono la distribuzione e la presenza di quelle rapide di tipo glicolitico (llb) rappresentano il 58% e il rimanente 42% di fibre resistenti (tipo I).

35

Grazie al'intreccio branchiale il grande pettorale ha un costante ausilio di sangue grazie anche ai nervi del torace che lo compongono, innervato dalle radici C8 e T1, nervo pettorale mediale e radici C5, C6, C7 nervo pettorale laterale. È diviso in tre parti, clavicolare, sternocostale, e addominale, I punti di partenza sono differenti, clavicolare: ha origine dai 2/3 mediali del margine inferiore della clavicola, sternocostale: sezione anteriore delle prime sei cartillagini delle costole, addominale: parte anteriore della guaina del muscolo retto dell'addome. Quando si contrae differenzia una forza che espone e ruota mediante l'omero. La clavicola può piegare l'omero fino a renderlo perpendicolare con il tronco, sa sternocostale può eseguire una flessoestensione dell'omero.

Continua la lettura
45

Il gran pettorale ha una funzione particolarmente importante, ci consente di addurre e ruotare verso l'interno il braccio e di farci sollevare il tronco quando viene preso come punto fisso dall'omero. La clavicola determina la flessione da 0° a 50-60° quando c'è la collaborazione con il fascio costituente, interviene nel momento della forzata respirazione, nel momento che si allarga la cassa toracica. Questo spiega perché un atleta quando si stanca istintivamente mette le mani sui fianchi, così facendo i pettorali sono sollecitati a far ampliare la cassa toracica e ci permette di respirare più profondamente. Questi muscoli sono molto attivi in molti sport come: il nuoto, lancio del peso, lancio del disco, ginnastica artistica, le parallele e gli anelli.

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Fitness

Breve Anatomia Del Trapezio

Il trapezio è un muscolo del collo particolarmente importante per i movimenti del capo, del tronco e anche degli arti superiori. Deve il suo nome alla particolare forma che assume scendendo dal collo fino alla spalla e alla rachide dorsale della schiena....
Fitness

Breve anatomia del tricipite brachiale

Il corpo umano comprende diversi sistemi e apparati che ne garantiscono il funzionamento. Due componenti davvero importanti sono l'apparato scheletrico e il sistema muscolare. L'apparato scheletrico sorregge l'intero organismo e offre un alloggiamento...
Fitness

Breve Anatomia Dei Polpacci

Il polpaccio è composto da un'associazione di tre muscoli, uniti tra loro con lo scopo di permettere i vari movimenti della caviglia e del calcagno. L'apparato parte dalla parte posteriore del ginocchio con i muscoli gastrocnemi (anche detti gemelli)...
Fitness

Breve anatomia degli addominali

Gli addominali normalmente intesi sono i muscoli anterolaterali dell'addome. Oltre a mantenere o aumentare la pressione all'interno della cavità addominale (ad esempio nel tossire), permettono i movimenti del tronco rispetto alla pelvi o della pelvi...
Fitness

Breve anatomia dei dorsali

Innanzitutto bisogna precisare che con il termine 'dorsale' non si indica solo ed esclusivamente un muscolo, il più famoso e tanto allenato per chi pratica body building il cosiddetto 'grande dorsale'), ma, in generale, si parla di tutto ciò che è...
Fitness

Breve anatomia dei glutei

Le natiche costituiscono la parte superiore della coscia e quella inferiore del tronco dei primati. La parola "natiche", anche dette glutei o chiappe o culo (volgare derivante dal latino culus) o fondoschiena, sedere o posteriore o di dietro o deretano...
Fitness

10 esercizi per allenare i pettorali

Tutti quanti abbiamo bisogno di allenarci per tenerci in forma, e mantenere il nostro corpo in salute e in forze, per poter affrontare le sfide di ogni giorno. Un buon programma di allenamento è ciò che fa al caso nostro se vogliamo ottenere risultati...
Fitness

Come esercitare i pettorali

L'allenamento dei pettorali, è uno degli esercizi più semplici dal punto di vista tecnico, ma richiede molta attenzione e con costanza nel tempo, affinché possa portare a buoni risultati. Bisogna correggere innanzitutto alcuni luoghi comuni, infatti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.