Barba di capra: proprietà e benefici curativi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La Barba di capra è una pianta conosciuta fin dai tempi antichi per le sue proprietà. Il termine scientifico corretto è Aruncus dioicus che nell'antica lingua greca significa proprio barba di capra! Essa è abbastanza diffusa in varie regioni dell'Italia in ciascuna delle quali acquista un nome diverso: Asparago di Bosco, Barba di Giove, Coda di volpe e Erba canona. La Barba di capra si presenta come una pianta erbacea, perenne di tipo dioico (divisa in fiori maschili e femminili), con un rizoma legnoso che si sviluppa specialmente in primavera dove il fusto può raggiungere un'altezza di ben due metri. Scopriamo insieme in questa guida le proprietà e i benefici curativi di questa antichissima pianta!

27

La Barba di capra si presenta con delle grandi foglie composte, molto utili per permettere di catturare i raggi del sole anche nei luoghi dove questi fanno fatica ad arrivare. L'infiorescenza è molto grande e verso la parte terminale è presente una pannocchia lunga circa 30 cm, dove troviamo fiori bianchi di piccole dimensioni. Questi sono molto profumati, non a caso la Barba di capra appartiene alla famiglia delle Rosaceae. I fiori di sesso maschile si caratterizzano per la presenza di 15 o più semi, ben sporgenti dalla corolla con delle antere scure. Invece i fiori femminili presentano un ovario composto da circa tre carpelli liberi, che viene impollinato sia attraverso gli insetti, sia attraverso il trasporto anemofilo.

37

I frutti della Barba di capra sono composti da 3 o 4 follicoli coriacei a deiscenza elastica. Questo tipo di follicolo permette alla pianta di lanciare i propri semi a qualche metro di distanza per favorire l'impollinazione, nel caso gli insetti fossero in scarsa quantità. Il periodo di fioritura di solito oscilla tra Giugno e Luglio, ma tutto dipende ovviamente dal clima che varia da regione a regione.

Continua la lettura
47

L' habitat ideale della Barba di capra sono i boschi con un'alta umidità, forre umide e soprattutto terreni calcarei e zone meno soleggiate. Infatti la pianta cresce mediamente tra i 400 e 1500 metri dove trova l'ambiente ideale. La possiamo incontrare in tutto l'emisfero boreale (America Settentrionale, Europa, Asia settentrionale), mentre in Italia cresce mediamente in tutto il nord d'Italia.

57

La Barba di capra ha proprietà espettoranti, febbrifughe, astringenti e specialmente toniche. Nonostante tutte queste proprietà, non è usata nella fitoterapia moderna, ma solo come medicina nelle varie tradizioni popolari. Infatti fin dall'antichità la sua radice veniva ridotta in poltiglia, per poi essere applicata sulle punture di vespa. È stata usata anche per arrestare la fuoriuscita del sangue dopo il parto e specialmente per curare i dolori di stomaco e la diarrea.

67

La Barba di capra trova largo impiego anche in cucina. Infatti durante il periodo primaverile è possibile raccogliere i giovani germogli rossastri posti alla base della radice. Questi vengono utilizzati allo stesso modo degli asparagi. Una volta puliti e lessati, possono essere impiegati per realizzare diverse pietanze. Attenzione però a non raccogliere la Barba di capra durante il periodo estivo quando la pianta produce delle sostanze, come i glicosidi cianogenetici, tossici per l'organismo. Ricordiamoci inoltre di chiedere sempre al nostro comune di appartenenza se è possibile raccogliere la Barba di capra poiché specie protetta in diverse regioni!

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cerchiamo informazioni sulla pianta prima di raccoglierla!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

La malva: proprietà e benefici

La natura non smette di stupirci, offrendo una gran varietà di piante dalle caratteristiche curative in grado di prevenire disturbi o alleviarli. È il caso della malva, pianta erbacea dai fiori di un particolare colore caratteristico, da cui prende...
Rimedi Naturali

Bacche di corniolo: proprietà, benefici e dove trovarle

Al mondo esistono moltissimi tipi di bacche, alcune commestibili altri un po' meno. Alcune di queste poi possiedono delle proprietà e dei benefici utili per il nostro organismo. La natura ci fornisce molteplici prodotti davvero utili per il nostro organismo....
Rimedi Naturali

Proprietà e benefici dell'olio di geranio

Il geranio (Pelargonium) appartiene ad un genere di piante erbacee contraddistinte da un fusto carnoso e fiori profumatissimi. Il geranio oltre ad abbellire i balconi è conosciuto per le sue tantissime proprietà. Infatti, svolge un'azione cicatrizzante,...
Rimedi Naturali

Proprietà e benefici delle bacche di biancospino

Utilizzate per promuovere la salute del sistema circolatorio, trattare l'angina, l'ipertensione, l'insufficienza cardiaca congestizia e l'aritmia cardiaca, le bacche di biancospino sono considerate in Europa come un trattamento sicuro ed efficace per...
Rimedi Naturali

Bacche di lantana: proprietà, benefici e dove trovarle

Trovare il passatempo preferito è sicuramente molto importante. Che si tratti di sport, lettura, arte, cinema, musica, giardinaggio o nuove sperimentazioni alimentari, non importa. L'importante è che sia soddisfacente e appagante per tutti. Purtroppo,...
Rimedi Naturali

Proprietà e benefici dello sciroppo d'agave

Lo sciroppo di agave è un'alternativa naturale agli zuccheri raffinati e ai dolcificanti artificiali. Questa miscela simile al miele proviene dalle foglie dell'agave blu, una pianta succulenta ampiamente coltivata in Messico. Con la sua consistenza sottile...
Rimedi Naturali

Proprietà e benefici dell'olio di enotera

L'olio di enotera è un estratto di erbe utilizzato principalmente contro i disturbi della pelle come gli eczemi, la psoriasi e l'acne. È usato anche per l'artrite reumatoide, l'osteoporosi, la sclerosi multipla, il cancro, il colesterolo alto e le malattie...
Rimedi Naturali

Olio essenziale di lavandino: proprietà e benefici

La natura offre la possibilità di utilizzare nella propria quotidianità tantissimi rimedi a basso costo per i piccoli e grandi disturbi legati all'organismo. Al tempo stesso, sempre dalla natura, abbiamo a nostra disposizione dei metodi più efficaci...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.