7 benefici della musicoterapia

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
19

Introduzione

Capiamo innanzitutto cosa si intende per musicoterapia. Si tratta, fondamentalmente, di una tecnica innovativa, di tipo terapeutico, per ottenere grandi benefici per il corpo, la mente e lo spirito. Gli antichi dicevano: "mens sana in corpore sano", e questo vale in entrambe le direzioni. Attraverso l'utilizzo della musica, e dei suoni in generale, si può raggiungere una consapevolezza di sè e un equilibrio tale che tutto il corpo, oltre alla mente, ne trarrà grandi benefici. Detto così potrebbe sembrare un po' troppo generico, andiamo dunque ad analizzare 7 tra i maggiori e principali benefici che questo nuovo tipo di terapia è in grado di fornire.

29

Aiutare la concentrazione

Non sono rare le persone che amano ascoltare la musica mentre svolgono compiti per cui è richiesta grande concentrazione. Sia nello studio, come preparare degli esami universitari, che nel lavoro. Che si tratti di applicarsi in mansioni prettamente manuali oppure molto mentali, ascoltare musica, quella giusta, può favorire moltissimo la concentrazione. La musica, quindi, non deve essere considerata come una distrazione, ma come un canalizzatore dell'attenzione.

39

Favorire il rilassamento dei muscoli e facilitare il sonno

Ascoltare musica o anche particolari suoni, come quelli della natura, è un ottimo modo per rilassarsi, sia mentalmente, svuotando la testa da pensieri e preoccupazioni, sia fisicamente, andando ad agire direttamente sui muscoli. Questi, infatti, risulteranno decisamente meno in tensione, con un rilassamento generale che favorirà anche il sonno. Allentare lo stress, infatti, è fondamentale per riuscire a dormire in maniera sana così che al mattino ci si svegli riposati ed in forma e non più stanchi di prima, con i muscoli doloranti dovuti alla continua tensione che non si è riusciti a smaltire efficacemente.

Continua la lettura
49

Combattere la depressione

Molti medici all'avanguardia hanno trovato molto utile proporre l'ascolto (e talvolta anche la produzione diretta, mediante diversi tipi di strumenti musicali) di suoni e musiche particolari per combattere la depressione. Questo perché la musica riesce ad interagire a livello del subconscio, riportando quindi a galla vecchi traumi e problematiche sopite, aiutando quindi il paziente ad essere consapevole dei propri stati d'animo. In questo modo, si potrà razionalizzare ed estirpare i malesseri inconsci.

59

Interagire con pazienti autistici

Grazie al fatto che la musica riesce a toccare corde "nascoste" nell'inconscio e subconscio, la musicoterapia trova grande applicazione anche nel trattamento sperimentale dei pazienti affetti da forme di autismo. Grazie ai suoni, infatti, si riesce ad interagire con loro, instaurando un rapporto ed un dialogo con i pazienti, e ad analizzarne e studiarne sintomi ed effetti. L'autismo, infatti, è tuttora una patologia in fase di studio, ma si sono riscontrati numerosi benefici nell'utilizzo di terapie alternative a quelle farmacologiche.

69

Agevolare lo sviluppo del feto

Pare che anche in fase prenatale la musica abbia grossi benefici. È consigliato, infatti, alle donne in gravidanza l'ascolto di musica (quella classica è tra le più indicate) perché favorirebbe lo sviluppo cerebrale del feto. Inoltre, la musica prenatale crea un rapporto madre-figlio molto forte, tanto che alcune persone affermano di ricordare la musica che ascoltavano prima di nascere, grazie alle loro madri, e di associare ad essa sensazioni ed emozioni positive.

79

Rallentare l'Alzheimer

Un ultimo, ma non meno importante, beneficio della musicoterapia che vogliamo citare riguarda le persone anziane affette da vari stadi di Alzheimer. Grazie alla musica, infatti, i pazienti riescono a rilassarsi e a calmarsi, permettendo così ai medici di intervenire con le terapie tradizionali. Oltre a ciò, la musica li aiuta anche a mantenere il contatto con la realtà più a lungo, cosa che nei pazienti in stadi avanzati di Alzheimer diventa molto difficile, essendo a volte molto pochi i momenti di lucidità. Anche l'Alzheimer, come l'autismo, è una patologia in corso di studio, e si spera in cure più efficaci nel prossimo futuro, tenendo in considerazione anche la musicoterapia e le altre terapie non convenzionali come tecniche da approfondire e sperimentare maggiormente.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non sostituire mai le cure mediche tradizionali con cure alternative "fai da te". L'ascolto di musica non è (tendenzialmente) nocivo e può essere indicata per tecniche di rilassamento autonomo, ma per la messa in pratica di terapie più spinte bisogna sempre rivolgersi al proprio medico curante e affidarsi a professionisti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Procrastinare: 7 modi per smettere

Ci sono talmente tante cose da fare che rimandare, spesso, può rappresentare la soluzione più comoda; ciò non significa però, che sia la migliore. Nella guida che segue, a tal proposito, cercheremo di fornire alcuni suggerimenti su come smettere di...
Psicologia

7 cose che impari quando vai a vivere da solo

Riuscire a rendersi indipendenti e, finalmente, lasciare il nido dove siamo cresciuti è una tappa importante nella vita di ognuno di noi. Andare a vivere da soli segna il passaggio all'età adulta e spesso viene associato ad un traguardo che si raggiunge,...
Psicologia

5 tecniche per rilassarsi

La necessità di rilassarvi e ricaricarsi è naturale in ogni essere umano. Specialmente i ritmi frenetici odierni, lo smog e le preoccupazioni fanno sì che il nostro fisico e la nostra mente ricerchino momenti di relax e pace. Con le 5 tecniche per...
Psicologia

Come superare una delusione lavorativa

La delusione è un particolare stato psicofisico che subentra quando un individuo non vede realizzarsi le proprie speranze, aspettative o desideri, questo succede anche id sorpresa, senza nessun preavviso o avvisaglia. Si può soffrire per amore, per...
Psicologia

Come diventare più produttivi

Come diventare più produttivi è un interrogativo che tutti ci siamo posti almeno una volta nella vita. Ci troviamo in un'epoca in cui tutto scorre più veloce, gli impegni sembrano infiniti e le persone sentono di non riuscire più ad avere il controllo...
Psicologia

Come stimolare le onde theta

Seguendo questa guida è possibile imparare come stimolare le onde theta senza bisogno di dormire e sognare. Queste onde vengono provocate dal cervello durante l’attività onirica quando il sonno è profondo e si raggiunge la cosiddetta fase Rapid Eye...
Psicologia

Come ottenere risposte dai sogni

La sera ci addormentiamo sempre con la speranza di fare bei sogni, così come lo auguriamo alle persone a noi accanto. I sogni, è risaputo, sono parte del nostro inconscio: sono pensieri, paure, turbamenti, desideri, tutto ciò che riguarda il nostro...
Psicologia

5 modi per rilassarsi prima di un appuntamento

A chi non è capitato un primo appuntameno? Magari al buio, organizzato da amici o parenti perché “stareste così bene assieme”. Ebbene è normalissimo essere agitati, con le gambe che tremano, il cuore che batte e le mani che sudano. Ma si possono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.