5 consigli per gestire una cotta per il capo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il luogo di lavoro è il posto dove si trascorre gran parte della propria giornata. A lavoro si condividono gli spazi, ci si confronta con i colleghi e si è spesso gomito a gomito con il capo. Prendersi una cotta per il proprio datore di lavoro non è una cosa insolita, soprattutto se il capo è un bell' uomo, carismatico, comprensivo, simpatico e sempre pronto ad aiutarci nella risoluzione dei piccoli problemi, che quotidianamente possono presentarsi durante le attività lavorative. Cosa fare se ci accorgiamo che cominciamo a idolatrare troppo il nostro capo e che non si tratta di semplice ammirazione? Come gestire una situazione che rischia di sfuggirci di mano? Ecco cinque utili consigli:.

26

Non fantasticare troppo

Anche se il capo è decisamente bello, gentile, cortese, premuroso, disponibile e ha la soluzione perfetta a ogni piccolo problema di lavoro è e rimane pur sempre " il nostro capo "! Colui che lavora a stretto contatto con noi, rappresentando un punto di riferimento ma ai suoi occhi " noi siamo e saremo sempre solo delle collaboratrici " perché il nostro capo ha la sua famiglia, che adora e che ama.

36

Smorzare l' entusiasmo

Una delle prime cose da evitare, se cominciamo a renderci conto che per il nostro capo non proviamo solo una grande stima e il massimo rispetto ma qualcosa di più, è confidarci coi colleghi e renderli partecipi di ciò che ci sta capitando o che pensiamo stia capitando.... Sul luogo di lavoro si sa, i pettegolezzi viaggiano velocemente come il tam tam della giungla e arrivano agli orecchi dell' interessato in men che non si dica e gli eventi possono precipitare, con conseguenze catastrofiche e perfino con la perdita del nostro amato lavoro, nel caso più grave.

Continua la lettura
46

Non turbare l' equilibrio lavorativo

Avere una relazione con il capo non è l' ideale e non giova neppure al lavoro! Lavoro e vita privata devono percorrere binari separati perché a lungo andare l' intreccio non favorirebbe la sana collaborazione e potrebbe solo far soffrire, influendo negativamente sull' attività lavorativa stessa e sull' autostima: I colleghi presto inizierebbero a guardarci con occhi strani e noi stesse cominceremmo a vedere il lavoro diversamente.

56

Prendere le giuste distanze

Un altro passo, quando ci si accorge che il capo per noi non è solo il nostro superiore ma stiamo iniziando a vederlo con occhi sognanti e fantasticando troppo, è quello di cominciare a stabilire le giuste e dovute distanze: Limitare gli incontri e essere quindi gomito a gomito con lui solo quando l' occasione di lavoro effettivamente lo richiede. Ciò ci aiuterà sicuramente a prendere coscienza del reale e sano rapporto che deve intercorrere tra il capo e il suo subalterno, ai fini dei risultati e dell' impegno lavorativi ottimali.

66

Concentrarsi sul lavoro

Con la piena consapevolezza che una relazione con il capo, se pur inizialmente potrebbe sembrare idilliaca, sarebbe destinata a naufragare in seguito, non portando alcun beneficio al lavoro anzi ci complicherebbe ulteriormente la vita, iniziamo a fare la cosa giusta: Continuiamo a essere cortesi, gentili, collaborative e rispettose nei confronti del capo, come al solito, ricordando tassativamente il divieto della buona e sana politica aziendale: No alle relazioni con il superiore! Pian piano la situazione cambierà, tutto tornerà come prima e si concluderà con una grossa e grassa risata da parte nostra perché spesso si tende a idealizzare troppo il proprio capo, nel tentativo forse di dare una sferzata entusiasmante alle giornate di lavoro, che si presentano sempre più stressanti e talora monotone.... Con la lucida razionalità ci si rende presto conto che si tratta realmente di " una semplice cotta per il capo ". Da evitare decisamente.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

5 modi per gestire la rabbia

La rabbia è semplicemente una delle emozioni a disposizione di cuore, mente e corpo dell'essere umano, ma quando si fa viva troppo spesso e in modo troppo insistente e aggressivo può diventare un problema. Se stai leggendo queste righe, probabilmente,...
Psicologia

5 passi per gestire le proprie emozioni

I sentimenti che si provano in varie circostanze differenti, possono essere di varia natura e di varia intensità. L'odio, la rabbia, la gelosia, l'amore, la passione, la delusione, la felicità, la gioia, ecc., sono solo alcuni dei sentimenti piacevoli...
Psicologia

Come gestire le emozioni nello sport

Per qualunque sportivo, apprendere come gestire le emozioni nello sport è fondamentale. L'attività fisica infatti non è solo sforzo fisico, ma anche mentale. Occorrono concentrazione, motivazione, capacità di gestire lo stress, la rabbia, gli insuccessi,...
Psicologia

Come gestire la rabbia durante una discussione

Nei rapporti umani affrontare qualche discussione è normale. Ogni individuo è diverso l'uno dall'altro e questo porta a occasionali malintesi. Per amici di vecchia data è tutto più facile da gestire. Anche quando molto diversi, due amici sanno comprendere...
Psicologia

Come gestire le persone difficili

Le persone difficili sono quelle che possono essere descritte come invadenti, scortesi, egoiste, pettegole e meschine. Avere a che fare con loro risulta sempre molto difficile perché questa tipologia di persone agisce come un vero e proprio vampiro energetico...
Psicologia

Come gestire la propria irascibilità

L'irascibilità è un tratto del carattere che difficilmente si apprezza in qualcuno. A volte, perfino chi ne soffre non lo sopporta. Non è difficile comprenderne il motivo: la rabbia non fa bene all'umore, può generare dei sensi di colpa, può perfino...
Psicologia

Come gestire la propria impulsività

Se ci accorgiamo di essere eccessivamente impulsivi nel reagire alle situazioni che si presentano quotidianamente, può essere necessario prendere dei provvedimenti per migliorarsi. L'agire in modo istintivo, senza pensare alle conseguenze delle proprie...
Psicologia

Come gestire una relazione tra colleghi

A volte è proprio proibito dal regolamento, altre volte è il semplice buonsenso a dettare questo imperativo: mai avere una relazione tra colleghi. Questo perché, sebbene all'inizio possa essere intrigante ed eccitante, una relazione che finisce male...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.