Respiro affannoso e fame d'aria: cause e rimedi per l'affanno

di Maria Liccardo difficoltà: difficile

Respiro affannoso e fame d'aria: cause e rimedi per l'affanno L'affanno è un disturbo che indipendentemente dalle cause della sua insorgenza, ha un effetto fortemente allarmante per le persone che ne sono affette. I rimedi variano in base alla patologia che sottende al fenomeno e quindi, rivolgersi al proprio medico curante e individuare cosa causa questo sintomo, è ovviamente indispensabile per poterlo risolvere; inoltre, poiché in un discreto numero di casi, la fame d'aria può dipendere da fenomeni ansiosi, occorre valutare l'eventualità di un origine psicologica e intervenire adeguatamente secondo la prescrizione medica. Nelle sindromi ansiose anche il training autogeno può essere d'aiuto. Nei passi della guida a seguire saranno analizzate le cause riguardanti il respiro affannoso e la fame d'aria.

1 La dispnea di origine respiratoria può derivare da vari fattori, tra cui: stenosi (restringimento) bronchiale, corpi estranei nei bronchi, asma, polmonite, enfisema, tubercolosi, cancro polmonare; nelle forme più lievi compare solo durante uno sforzo, in quelle più gravi compare anche a riposo o durante il sonno, con crisi parossistiche che costringono l’ammalato ad alzarsi e a fare qualche passo. Fisiologicamente la dispnea dipende da un'alterazione dell'ossigenazione sanguigna, con un conseguente aumento dell'anidride carbonica e si presenta con diverse manifestazioni dipendenti dalla patologia di fondo. La forma acuta, associata a dolore toracico e tachicardia è spesso provocata da patologie cardiovascolari o neurologiche (come l'insufficienza cardiaca o la sindrome coronarica acuta).

2 La dispnea cronica è causata da problemi all'apparato respiratorio quali: bronchite, polmonite o broncopneumopatia ostruttiva. Naturalmente, a seconda dei casi, sarà il medico a intervenire con antibiotici o farmaci a supporto degli apparati coinvolti. L'asma derivante da allergie è riconoscibile da un respiro affannoso accompagnato da un sibilo, mentre la fame d'aria conseguente a obesità si manifesta con apnee notturne. Le cause non patologiche del respiro affannoso sono invece da ricercare in sforzi eccessivi (ad esempio: l'ipotensione, che conduce a un minor apporto di ossigeno durante la gravidanza o l'età avanzata); in montagna altitudini elevate possono provocare questo disturbo, dato che l'aria rarefatta contiene quantità minori di ossigeno e in questo caso il problema è facilmente risolvibile scendendo lentamente a valle.

Continua la lettura

3 I pazienti affetti da forme gravi di dispnea sono spesso costretti a dormire con più di un cuscino, per rendere più facile la respirazione.  La dispnea di origine cardiaca, vale a dire da cardiopatie (malattie del cuore), all'inizio si presenta come una semplice dispnea da sforzo; poi, in uno stadio più avanzato, le cardiopatie si manifestano con una dispnea presente anche a riposo.  Approfondimento Come combattere l'allergia in primavera (clicca qui) Una forma di dispnea che insorge ad accessi e più frequentemente di notte, è l’asma cardiaco.. 

4 Se dunque per le forme patologiche i farmaci sono indispensabili, in tutti gli altri casi è possibile trarre sollievo attraverso il riposo e con un cambio di stile di vita, che prevede una dieta ipocalorica (in caso di eccesso di peso) e una leggera attività fisica quotidiana, che aumenta la circolazione, favorisce una maggiore ossigenazione e mantiene il cuore in allenamento. Date addio al fumo e seguite un'alimentazione sana, ricca di frutta, di verdura e povera di grassi, in quanto incide in modo favorevole sulla qualità della respirazione.

Come aumentare la resistenza allo stress Come curare la bronchite con rimedi naturali Le proprietà benefiche della liquirizia Congestione nasale: rimedi

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili