Ipnosi: le controindicazioni

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sentiamo spesso parlare di "ipnosi", ma non tutti sanno esattamente di cosa si tratta. La parola "ipnosi" ha origine dalla parola "sonno", ma in realtà lo stato di ipnosi è uno stato alterato di coscienza, che non somiglia nè al sonno nè alla veglia. L'ipnosi, in seguito ad una particolare funzione del nostro cervello, se questo viene stimolato in modo adeguato, si presenta in un modo nel quale, venendo coinvolti sia la mente che il corpo, il soggetto appare come in uno stato di sonnolenza. L'ipnosi viene praticata dai terapeuti per accompagnare questo "stato di sonnolenza" a quello di "sonno apparente", fino a quello di "sonno profondo". Nella condizione di ipnosi vera e propria, vengono stimolati dei processi cerebrali che nulla hanno a che fare con la fase di veglia o di sonno. Si può ottenere una ipnosi più o meno profonda, ma anche diversa, a seconda della modalità che si vuole ottenere. Avremo in tal caso una condizione di "ipnosi letargica", se il soggetto interessato cade appunto come in "letargo", non reagendo ad eventuali ed importanti sollecitazioni esterne, come rumori o movimenti indotti sul suo fisico (pizzicotti, apertura delle palpebre ecc.). Si può anche ottenere la "fase catalettica", nella quale la muscolatura del soggetto ipnotizzato diviene rigida ed immobile, anche per lungo tempo, senza segni di stanchezza (ad esempio, una mano sollevata dal terapista che rimane sempre nella stessa posizione, fino a nuovo intervento del terapista stesso). Se si è invece in presenza della "fase sonnambulica" si vedrà che il soggetto ipnotizzato si muoverà e reagirà agli stimoli indotti come se fosse sveglio. La pratica dell'ipnosi si è rivelata essere un valido aiuto e supporto per riuscire a controllare alcuni comportamenti sgraditi, o per gestire le emozioni o, ancora, per combattere svariati disturbi, come l'ansia, il panico, le fobie, i disturbi sessuali, i dolori e così via, perché essa aziona i nostri automatismi migliorativi naturali. L'ipnosi in se stessa è innocua, ma esistono alcuni casi nei quali non deve essere usata: vediamo le controindicazioni.

26

Problemi psicologici profondi

Nel caso in cui un soggetto presenti, all'interno del suo essere, dei profondi problemi psicologici, l'ipnosi non è da consigliare, nè tanto meno da attuare. Sono casi in cui l'individuo soffre di una forte conflittualità interna, nella quale non è riuscito a scindere e ad individuare i punti cardine del proprio "io". Si dovrà pertanto evitare assolutamente l'ipnosi, poiché essa potrebbe addirittura aumentare il disagio del soggetto in questione.

36

Disturbi psichiatrici

L'ipnosi è una tecnica tramite la quale si ottiene la dissociazione dei due emisferi del nostro cervello e pertanto ha severe controindicazioni per coloro che sono disturbati a livello psichiatrico, come gli schizofrenici, gli psicotici e gli affetti da bipolarismo.

Continua la lettura
46

Eliminazione di sintomi somatici

Chi manifesta dei sintomi somatici, come diarrea o ipertensioni varie, scaturiti dagli automatici meccanismi di difesa e di compensazione che il nostro corpo mette in moto in alcune situazioni critiche e difficili della vita, non dovrà ricorrere all'ipnosi, perché non è il mezzo adeguato per affrontare questo tipo di problemi.

56

Disturbi ipertensivi ed ipertiroidei

Negli individui che soffrono di disturbi ipertensivi ed ipertiroidei l'ipnosi è controindicata perché lo stimolo del fenomeno ipnotico, al fine di indurre nel paziente dei conflitti o delle regressioni di età, non è assolutamente conforme ed adatto a questo genere di patologie.

66

Disturbi cardiologi

I soggetti cardiopatici sono anch'essi dei pazienti a rischio, poiché la loro patologia li pone in una condizione di vulnerabilità, in cui le forti emozioni potrebbero causare gravi conseguenze. Pertanto, anche se le controindicazioni all'ipnosi non sono numerose, prima che essa venga messa in atto, bisognerà che ci sia un'opportuno e completo scambio di informazioni fra il terapeuta ed il paziente.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come interpretare i sogni secondo la Scuola Freudiana

Sigmund Freud è considerato il padre della psicoanalisi moderna. Egli formulò un'ipotesi teorica sull'analisi psicodinamica dei sogni, il cui assunto di base è quello secondo il quale i sogni sono dei desideri inconsci che operano nella psiche umana,...
Psicologia

Come stimolare le onde theta

Le onde theta, le troviamo rispettivamente nel corso delle attività oniriche e di sonno profondo senza sogni. Le loro attività elettriche sono molto basse e sono comprese tra i 0,5 e 7/8 Hz. In particolare le onde theta (0,5/4 Hz) sono attive quando...
Psicologia

Come superare la coazione a ripetere

La coazione a ripetere può essere riassunta, secondo le teorie della psicanalisi elaborate dal padre della psicanalisi Sigmund Freud, come la necessità di rivivere situazioni che suscitano dolore nel tentativo di superarle. Con il termine coazione si...
Alimentazione

Liquirizia: proprietà, usi e controindicazioni

La liquirizia è una pianta erbacea dalle tante proprietà. Di essa si possono ricavare molteplici usi ma è indispensabile conoscere anche le relative controindicazioni. In fitoterapia viene usata la radice e da essa estratto il succo nero. In commercio...
Rimedi Naturali

Radice di valeriana: pro e contro

Se siete alla ricerca di prodotti e sostanze naturali per alcuni disturbi, vi trovate nella guida che fa al caso vostro. Sempre di più, siamo in un'epoca che vede il ritorno alle cose genuine, alla natura, all'ambiente. La natura ricordiamo, fornisce...
Alimentazione

Controindicazioni del tè nero

A chi non piace il tè? Ce n'è di tutti i tipo, dal classico inglese a quello verde, quello con limone o a pesca, ma uno dei più buoni è sicuramente il tè nero. Ha sicuramente moltissimi effetti benefici, tra cui lo stimolo della diuresi e la capacità...
Alimentazione

Miele di manuka: proprietà e controindicazioni

Il miele di manuka è originario della Nuova Zelanda e dell'Australia. Si ricava dall'omonimo arbusto dopo un lungo processo. Questo miele, che pochi conoscono, è un rimedio naturale contro alcuni disturbi come il mal di gola, il raffreddore ed è di...
Fitness

Hatha Yoga: le controindicazioni

L' Hatha Yoga è una disciplina di origini antichissime, le prime scuole sono nate in India e Tibet dove si voleva insegnare a controllare l'energia cosmica presente in ogni uomo. Oggi ha una larga diffusione in tutto il resto del mondo. Si propone, come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.