Esercizi per i muscoli dell'anca

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando si parla di allenamento muscolare, quelli che ci vengono subito in mente sono i bicipiti, i pettorali, i quadricipiti, i trapezi, etc. Ebbene, anche se questi muscoli giocano certamente un ruolo importante, ce ne sono altri, molto spesso sottovalutati anche dai culturisti più esperti, che meritano la dovuta attenzione e l'esercizio è il modo ideale per tenerli correttamente in allenamento. Uno di questi è il muscolo dell'anca che, insieme a quello dell'inguine, contribuisce alla riabilitazione delle lesioni specifiche. Inoltre, l'allenamento di questi muscoli è particolarmente importante per coloro che vanno spesso in bicicletta. Vediamo allora alcuni esercizi per i muscoli dell'anca.

27

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Tappetino (per alcuni tipi di esercizi)
  • Superfici lisce (per alcuni tipi di attività)
  • Un paio di calze comode
  • Elastico
  • Cavigliere piene di sabbia
37

Anzitutto è doveroso dire che questi esercizi fisici non vanno svolti una volta ogni tanto, ma eseguiti almeno 3-4 volte alla settimana, per più volte al giorno. Inoltre, la soglia massima di età non deve superare i 50 anni. Le attività che si possono eseguire sono molteplici, e di seguito troviamo quelle fondamentali eseguibili anche in casa.

47

I primi esercizi che si può esser in grado di svolgere sono:
- movimento del piede in senso orario ed antiorario;
- contrazioni isometriche del quadricipite femorale: rimanere contratti dai 7 ai 10 secondi e riposare dai 4 ai 5 ogni volta che si ripete la contrazione. Poi, con le gambe stese, piegare ginocchia e anca senza sollevare il tallone da terra; assumere una posizione di decubito laterale stabile, appoggiare la gamba su un elemento di cassone. Alzare e abbassare la gamba piegata, contrarre il quadricipite e, durante la contrazione, sollevare l'arto inferiore dai 15 ai 20 cm e rimanere per circa 10 secondi in questa posizione.
Questi sono le attività fisiche di base per l'anca. Bisogna esercitarsi prima di tutto su questi aspetti e ripeterli molte volte, prima di passare ad esercizi più complessi.

Continua la lettura
57

Una volta assimilati i primi esercizi, si può passare a qualcosa di più avanzato. Ecco alcuni esempi su cosa si potrebbe svolgere: flessioni dell'anca, che durino qualche secondo senza superare i 90°; estensione dell'anca senza curvare la schiena, sempre per alcuni istanti; estensioni e flessioni dell'anca con un elastico; abduzioni con l'anca mantenendo ginocchio e piede dritto.

67

Questi esercizi però, se svolti in maniera eccessiva ed errata, potrebbero risultare controproducenti. È bene, quindi, effettuare sempre un po' di stretching onde evitare possibili strappi. Per il resto, basta un pizzico di impegno per poter raggiungere ottimi risultati.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fare sempre stretching prima di iniziare
  • Cominciare in maniera regolare senza strafare
  • Ripetere gli esercizi più volte a settimana
  • Iniziare con esercizi semplici

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Fitness

Esercizio di abduzione dell'anca

L'esercizio di abduzione dell'anca risulta essere particolarmente utile per rassodare e tonificare i glutei. Natuaralmente, questo esercizio è solamente uno tra tutti quelli ...
Fitness

Come allenarsi in 30 minuti

Sei una di quelle persone che vorrebbe allenarsi per perdere peso, mantenere la forma fisica o tonificare i muscoli, ma non riesce a trovare il ...
Fitness

Come tonificare gli adduttori

Riuscire a restare in forma è uno degli obiettivi di tutti noi, donne o uomini che siano. Non c'è niente di più piacevole che ...
Fitness

Breve anatomia dei glutei

Le natiche costituiscono la parte superiore della coscia e quella inferiore del tronco dei primati. La parola "natiche", anche dette glutei o chiappe o culo ...
Fitness

Come alternare l'allenamento per ottenere il massimo

L'allenamento fisico è un duro lavoro, che impiega tutti i nostri sforzi e i tempi liberi a disposizione. Per ottenere un risultato al massimo ...
Fitness

Esercizi per avere una schiena sexy

Quando si pensa a rimettersi in forma, magari in periodo di prova costume, ci si concentra subito su zone del corpo come glutei e addominali ...
Fitness

Come imparare un esercizio di spaccata ginnica

L'esercizio fisico, in età giovanile come da adulti, mantiene sano ed in forma l'organismo. Rafforza i muscoli, il cuore e le articolazioni. Lo ...
Fitness

Come proteggere le ginocchia quando si corre

Correre è una delle attività sportive più salutari e divertenti che si possano fare. Anche se ogni tanto può avere delle controindicazioni, come ad esempio ...
Fitness

I benefici dell'attività fisica sul sistema scheletrico

I benefici di una regolare attività fisica, sul sistema scheletrico, possono essere veramente tanti. L'osso è vivo e rimuove continuamente le cellule vecchie, creandone ...
Fitness

Come rafforzare i muscoli che sostengono la colonna vertebrale

La colonna vertebrale, detta anche rachide, è un elemento fondamentale del nostro apparato locomotore ed è costituita dalla serie continua delle vertebre che unisce in ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.