Come superare una perdita di memoria a breve termine

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il cervello umano sfrutta due tipologie di memoria, ovvero quelle a lungo ed a breve termine. Quest'ultima conserva informazioni fulminee e dati recenti (come il nome di uno sconosciuto o un luogo di passaggio). La perdita temporanea della memoria a breve termine rappresenta un problema comune ed interessa qualunque ceto sociale. Le ragioni di tutto ciò sono una caduta accidentale, un leggero attacco ischemico transitorio (TIA), l'alcolismo o l'invecchiamento generale. Il disturbo momentaneo condiziona la vita quotidiana del paziente. La non capacità di ricordare gli eventi o le azioni recenti disorienta e spaventa. Per superare la perdita di memoria a breve termine, è importante l'affetto costante e la vicinanza di familiari e/o amici. Nel seguente tutorial vediamo dunque come bisogna comportarsi in questo caso e qualche piccolo accorgimento giornaliero funzionale.

27

Occorrente

  • Pazienza
  • Tatto
  • Discrezione
  • Riposo notturno
  • Alimentazione giusta
37

Mostrare foto ed interagire spesso, mantenendo la calma

Molto funzionali per far ritornare una persona alla realtà possono essere i parenti. Questi hanno ogni mezzo necessario per agire verso il recupero della memoria a breve termine. I familiari potranno mostrare fotografie ed interagire con lui, avendo sempre la massima discrezione ed una notevole dose di pazienza. La perdita di memoria a breve termine determina il mancato riconoscimento degli individui, che dovranno adoperare il tatto per far capire chi sono. Il paziente, i suoi amici ed i suoi parenti devono quindi avere parecchia calma e aspettare che il tutto venga stabilizzato.

47

Conversare tanto e considerare tutto (gesti, profumi, canzoni, ecc.)

La conversazione rappresenta pertanto una delle migliori strade che invogliano il paziente a ricordare nel breve termine. Questo consente infatti di fare collegamenti con il passato, anche grazie a qualche oggetto speciale. In questo modo, il cervello umano viene sollecitato e gli stimoli causati possono fornire benefici. Nel presente contesto, bisogna veramente considerare tutto (incluso un determinato profumo). Da prendere in considerazione sono inoltre un gesto oppure un brano musicale. È importante comunque non scoraggiarsi e non far demoralizzare chi ha perso la memoria a breve termine. Esclusivamente così la situazione non dovrebbe peggiorare.
.

Continua la lettura
57

Seguire un programma giornaliero fatto di riposo, buona alimentazione e giochi di logica

La memoria a breve termine non si cura assumendo farmaci, i quali possono soltanto alleviare il problema. Abbastanza funzionale è avere un programma quotidiano da seguire per facilitare l'esistenza del paziente. Il suo cervello dovrà avere il giusto riposo, al quale non dovrà assolutamente mancare un corretto regime alimentare. Alla base dell'alimentazione devono esserci il pesce, la frutta e la verdura. La memoria a breve termine si può aiutare inoltre tramite dei giochi online o cartacei riguardanti la logica. Ecco dunque come far superare una perdita di memoria a breve termine.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • In caso di perdita di memoria a breve termine, non bisogna scoraggiarsi mai: occorre invece cercare di pianificare la vita, rendendola il più semplice possibile e rientrando in una sorta di routine quotidiana.
  • Curare molto l'alimentazione ed il sonno notturno.
  • Esercitare quotidianamente la mente con dei giochi di memoria e logica.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come gestire il controtransfert

Il controtransfert è un fenomeno che non ha ancora una definizione precisa in quanto non è stato ancora stabilito quale sia il suo reale effetto all'interno di una relazione medico-paziente. Alcune scuole di pensiero lo considerano come un fenomeno...
Psicologia

Come sottoporsi all'ipnosi regressiva

Durante la vita, potrebbe capitare che un evento determinato, che di frequenza non è un evento positivo totalmente, e possa far riemergere dei malesseri che sono personali della persona stessa umana. Molte volte non si possono sopportare i malesseri...
Psicologia

Counseling: le maggiori difficoltà agli inizi

Ognuno di noi ha sofferto per diverse ragioni: relazionali, situazioni di vita, condizioni di cambiamento indesiderato, non accettazione della realtà circostante, tutte situazioni nelle quali ci ritroviamo talvolta deboli nell'individuare la strada migliore...
Psicologia

Ipnosi regressiva: come funziona

L'ipnosi regressiva è una terapia psicologica che viene condotta da persone esperte e qualificate. Il suo principale scopo è quello di risolvere dei problemi di cui il paziente soffre. Bisogna però chiarire bene cosa si intende per ipnosi regressiva...
Fitness

Come favorire la mobilità degli arti

Gli esercizi fisici sono necessari per migliorare la circolazione sanguigna e rafforzare la muscolatura del corpo. L'attività, la mobilità e la flessibilità sono parte integrante dello stile di vita di un individuo. Promuovere un senso di controllo...
Fitness

Come fare il massaggio shiatsu ai piedi stanchi

Il massaggio shiatsu è un metodo di cura giapponese che deriva da antiche tecniche di manipolazione corporea; significa letteralmente "pressione esercitata con le dita", anche se le pressioni e le trazioni che il terapista esegue possono essere praticate...
Rimedi Naturali

Come rilassarsi con la musicoterapia

La musicoterapia è l'uso clinico della musica, basato su prove di interventi melodici per raggiungere gli obiettivi individualizzati all'interno di una relazione terapeutica di un paziente. Si tratta di una professione sanitaria stabilita in cui la musica...
Alimentazione

Test kinesiologico per le intolleranze alimentari

La kinesiologia è lo studio dei movimenti del corpo che unisce l'osservazione delle reazioni dei muscoli con i concetti della medicina cinese di qi e di meridiani. Il professionista applica una pressione manuale a un dato muscolo del corpo del paziente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.