Come stimolare l'appetito

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per stimolare l'appetito si rivelano utili una dieta variata, ricca di frutta e verdura, una vita sana all'aria aperta e un'attività ginnico-sportiva. In fitoterapia esistono varie tipologie di piante specifiche per l'inappetenza e vengono spesso utilizzate per la creazione di diversi amari. Gli amari stimolano infatti le secrezioni digestive e aiutano la mobilità gastrica ed intestinale ed il loro effetto sull'appetenza è evidente e immediato. Vediamo quindi come stimolare l'appetito in modo semplice ed accessibile a tutti.

26

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • tintura alcolica
  • vegetali e spezie
  • tisana per l'inappetenza
36

Per stimolare il vostro appetito vi basteranno 10 o 20 gocce di tintura alcolica di un qualsiasi amaro assunte almeno 15 minuti prima del pasto per restituire l'appetito, soprattutto ai bambini. Ovviamente potrete utilizzare qualsiasi tipo di tintura alcolica aromatica come ad esempio l'arcangelica, il calamo aromatico e il cardo benedetto; ma i più indicati per l'inappetenza sono gli amari tonici come la centaurea, l'assenzio, la genziana, il condurango e la china.

46

Se non amate assumere degli alcolici potrete aumentare anche l'inserimento di alcune spezie come la curcuma ed alcuni vegetali come il carciofo all'interno della vostra dieta. Anche la fumaria, l'achillea, il rafano o la lavanda possono essere usati con successo contro l'inappetenza, grazie all'aumento della secrezione biliare da esse provocato. Ovviamente questo tipo di cura contro l'inappetenza è consigliato specialmente per i bambini e per tutti coloro che hanno problemi di stomaco. Infatti queste spezie e questi alimenti sono estremamente delicati anche se il loro gusto è molto forte e possono essere inseriti con semplicità in moltissime ricette, esaltando anche il sapore di altri alimenti.

Continua la lettura
56

Per stimolare l'appetito e favorire la ripresa del peso consiglio potrete anche gustare a merenda o in sostituzione di uno spuntino una deliziosa tisana contenente 50 gr di foglie di millefoglio, 50 gr d'ortica, 50 gr di radice di liquirizia, 50 gr di foglie di salvia, 50 gr di bacche di ginepro, 50 gr di foglie di cerfoglio e 50 gr di bacche di rosa canina. Questi ingredienti dovranno essere miscelati in 1 litro d'acqua fredda, fatti bollire per almeno un minuto e lasciati per 10 minuti in infusione. Il tutto dovrà essere accuratamente filtrato e l'assunzione dello stesso non dovrà essere superiore alle tre settimane.

66

Vi consigliamo di evitare troppi spuntini fuori dall'orario del pasto e limitare il consumo di cibo verso pietanze sostanziose, così da combattere inappetenza con cibi ricchi per il benessere del corpo e non dimenticare mai di fare molta attività fisica per stimolare l'appetito in modo naturale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Alimentazione

La rucola: proprietà e benefici

La rucola è una delle più nutrienti verdure di origine mediterranea. Appartiene alla famiglia delle brassicacee, esattamente come il cavolfiore e il cavolo: il suo ...
Rimedi Naturali

Bacche di Ginepro: proprietà e benefici

Le Bacche di Ginepro appartengono al Juniperus communis (pianta spontanea nell'area mediterranea). L'arbusto viene seminato a marzo, ma i frutti si raccolgono in ...
Rimedi Naturali

Come utilizzare le proprietà del ginepro rosso

Il ginepro rosso è un arbusto le cui dimensioni possono variare dai 50 cm ai 15 m di altezza. Il tronco è coperto da una ...
Rimedi Naturali

Guida alla erbe ayurvediche

Vi è mai capitato di sentir parlare di erbe ayurvediche? Si tratta di piante ed erbe considerate benefiche e medicamentose dalla medicina tradizionale indiana, l ...
Alimentazione

10 ragioni per cui abbiamo sempre fame

Il cibo, oltre ad essere assolutamente necessario per la nostra sopravvivenza, è anche uno dei pochi piaceri della vita. Ed è proprio sulla base di ...
Rimedi Naturali

Come preparare la tisana al dragoncello

Il Dragoncello o estragone è una pianta aromatica perenne con un profumo intenso, appartenente alla famiglia delle Asteraceae e cresce nel Mediterraneo. Viene chiamata cosi ...
Alimentazione

I 10 cibi che stimolano l'appetito

Recita un famoso detto "l'appetito vien mangiando". Ma questa affermazione, ha davvero un fondo di verità? Qualcuno potrà pensare che sia illogico aumentare la ...
Rimedi Naturali

5 virtù del topinambur

Probabilmente non tutti conoscono ancora il delizioso ed esotico topinambur, conosciuto anche con il nome di carciofo di Gerusalemme. Il topinambur è un tubero particolarmente ...
Rimedi Naturali

Come stimolare il ciclo

La mancanza delle mestruazioni è un fenomeno dovuto a differenti cause. L'assenza di ciclo (Amenorrea) è spesso frequente nelle adolescenti con carenze nutrizionali e ...
Rimedi Naturali

Proprietà e benefici dell'erba benedetta

L'erba benedetta costituisce una pianta erbacea abbastanza diffusa, che cresce spontanea nelle zone ombreggianti (marine e montane), lungo le strade, le muraglie, i fossati ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.