Come preparare i germogli di grano

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

È risaputo che il germe di grano apporta diversi nutrienti fondamentali che concorrono al corretto funzionamento dell'organismo. Negli ultimi tempi la pubblicità ha contribuito in larga parte a rendere note le sue proprietà benefiche, associandolo anche a generi alimentari di ogni tipo. La dicitura sempre più comune "contiene germe di grano" sembra essere addirittura diventata una sorta di un passepartout per raggiungere qualsiasi consumatore, anche se non tutti sanno che cosa sia realmente il germe di grano, come fare a procurarselo e soprattutto come preparare i germogli e renderli appetibili a tutti. Vediamo quindi come preparare i germogli di grano.

27

Occorrente

  • Germogli di grano
  • Parere di un dietologo
37

I motivi per favorire la germogliazione del grano

Innanzitutto, è bene sapere che il germe di grano è l'embrione del chicco, ovvero la parte dalla quale nasce e cresce l'intera pianta. Tale embrione è racchiuso dal tegumento esterno, cioè la pellicola che lo riveste. Normalmente l'embrione non è utilizzabile nella preparazione delle farine, poiché il processo di raffinazione e la cottura del prodotto finito concorrono in diversa misura a distruggere completamente queste sostanze. Soltanto alcuni prodotti integrali riescono a preservarne una certa quantità. D'altra parte, bisogna dire che i semi crudi non sono commestibili: allora come fare per sfruttare pienamente le capacità benefiche del grano? La soluzione migliore potrebbe essere proprio quella di farli germogliare.

47

La germogliazione fai da te

Quando il seme di grano germoglia sprigiona tutte le sue potenzialità, divenendo inoltre edibile. Il livello di vitamine e di amminoacidi presente cresce notevolmente, tant'è che loro quantità toccano livelli assolutamente non comuni: la vitamina C aumenta del 500%, la vitamina E del 300%, i carotenoidi del 220%. Numeri sbalorditivi, tenendo conto che i germogli di grano sono estremamente facili da preparare, risultando di conseguenza un prodotto piuttosto economico. Se volete produrli in casa attraverso la pratica del fai da te, non dovrete fare altro che recarvi in erboristeria e acquistare una confezione di semi di origine biologica, metterli in ammollo per almeno 12 ore e poi riporli in un piatto che andrete a coprire con un panno umido. Lasciateli semplicemente a temperatura ambiente per qualche giorno e bagnateli un paio di volte al dì. Dopo 3 o 4 giorni potrete mangiarli evitando però la cottura, poiché andreste a pregiudicarne i numerosi benefici.

Continua la lettura
57

L'inserimento dei germogli di grano nell'alimentazione

I germogli di grano potranno essere consumati insieme alle insalate, alle minestre o nello yogurt, facendo molta attenzione a non eccedere con le dosi, visto l'elevato carico vitaminico del prodotto: un carico eccessivo di vitamine, così come un eccesso di un qualsiasi altro nutriente utile al fabbisogno energetico del corpo umano, è assolutamente sconsigliato. Assumetene più di un cucchiaio da cucina al giorno, o uniteli allo yogurt in sostituzione del muesli o dei cereali; o ancora, aggiungeteli ai frullati per aumentarne il valore nutritivo o, in alternativa, mischiateli nelle insalate affiancandoli a rucola, lattuga, gamberi annaffiando il tutto con olio extravergine d'oliva, aceto balsamico e succo di mezzo limone. I germogli di grano sono un prodotto estremamente versatile, ricco di proprietà nutritive e molto semplice da preparare. Abbiamo terminato la nostra guida su come preparare i germogli di grano.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non superate la dose di un cucchiaio al giorno di germogli di grano, in quanto un eccesso vitaminico non è salutare per l'organismo.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Come preparare la soba cha

Da una decina di anni ad oggi si è andata diffondendo sempre di più una cucina salutare e rimedi naturali a base di infusi e tisane per cercare di contrastare lo stress ossidativo dei radicali liberi che un' alimentazione sbagliata favorisce. In commercio...
Rimedi Naturali

Oli vegetali: i benefici per la pelle

La bellezza è una componente importante per stare bene con se stessi e con gli altri appartiene a uomini e donne, avere la costanza di adoperare prodotti specifici, ci torna utile per avere nel tempo una pelle sana e giovane. In questa guida vediamo...
Alimentazione

I cereali: differenza tra chicco integrale e chicco raffinato

Molte persone sono solite consumare i cereali a colazione. Non tutti sanno che i cereali non sono tutti uguali ma ci sono delle sostanziali differenze. Innanzitutto c'è una grande differenza tra cereali interali e raffinati e questa differenza dipende...
Alimentazione

Muscolo di grano: guida alle proprietà

Negli ultimi tempi, forse, vi sarà capitato di sentir parlare del muscolo di grano, ma cos'è esattamente? Bene, il muscolo di grano è un ingrediente molto importante della cucina vegana, si accompagna a moltissimi piatti ed ha anche delle proprietà...
Alimentazione

Grano saraceno: le proprietà e i benefici

Il grano saraceno viene considerato erroneamente un cereale. In realtà, appartiene alla famiglia delle Poligonacee. La pianta può raggiungere mezzo metro di altezza; i suoi chicchi si raccolgono quando raggiungono una colorazione scura. Poi, si lasciano...
Alimentazione

Gli alimenti che mantengono sana la tiroide

La tiroide è una ghiandola endocrina posizionata nella parte anteriore del collo. Ha una tipica forma ad H e produce ormoni tiroidei, che hanno la funzione di regolare il metabolismo. È inoltre in grado di determinare l'afflusso di sangue ai vari organi...
Alimentazione

Germogli di soia: proprietà e calorie

La soia è una alimento che viene molto utilizzato sia per nutrire gli uomini che gli animali e i suoi germogli sono considerati una ricchissima fonte di elementi nutrienti e di proprietà benefiche che li rendono quasi insostituibili in qualsiasi tipologia...
Rimedi Naturali

Rimedi naturali per prevenire i crampi

Tutti abbiamo provato prima o poi il dolore lancinante dei crampi, che non si preannunciano ma improvvisamente ci colpiscono, lasciandoci senza fiato ed immobilizzati. In genere questo è dovuto alla perdita, soprattutto estiva di sali minerali, come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.