Come curare e medicare un tatuaggio

di Stefania Lombardi difficoltà: media

Come curare e medicare un tatuaggio   internet Un tatuaggio è una tecnica di decorazione corporea permanente, che consiste nell' iniettare pigmenti colorati nello strato superiore della pelle per formare disegni, simboli, scritte. In genere, se curato adeguatamente, non comporta rischi. È bene quindi curare e medicare con accuratezza la zona tatuata per diminuire il periodo di guarigione, subire minore fastidio ed avere un migliore effetto estetico. È importante dunque prendersi cura di esso dal primo momento. Prima ancora di effettuare il tatuaggio è consigliato verificare se lo studio e il tatuatore dispongono delle certificazioni di sicurezza ed igiene che vengono richieste dalle ASL di appartenenza, rilasciate solo dopo corsi di formazione e controlli periodici dello studio.

Assicurati di avere a portata di mano: Cerotto anallergico Cerotto per medicazione Sapone neutro crema idratante Rotolo di carta resistente

1 Le ore successive: il tatuatore avrà bendato il tatuaggio con una pellicola impermeabile e fissato con del cerotto. Rimuovete il bendaggio circa tre o quattro ore dopo e non prima.
Lavatevi accuratamente le mani e preparate il materiale, disponendolo in maniera che sia pronto e facilmente reperibile.
Usate della carta usa e getta resistente imbevuta con acqua tiepida e il sapone neutro per pulire la superficie, non frizionando ma tamponando delicatamente, fino a che non avrete eliminato i residui di sangue, di colore o di eventuale prodotto. Sempre tamponando delicatamente asciugate con carta asciutta evitando di aderire con troppa pressione, lo scopo è quello di asciugare l'acqua in eccesso.
Lasciate asciugare per un'ora circa la superficie del tatuaggio esponendolo all'aria. Rimanete all'interno di un ambiente pulito e non esposto al sole (una stanza pulita, dove non vi siano animali). Nella prima ora la ferita perderà dei liquidi (essudato), non preoccupatevi è assolutamente normale, limitatevi ad asciugare i liquidi che colano oltre il tatuaggio.
Passata un’ora circa applicate la crema sulla carta e distribuitela sul tatuaggio creando un sottile strato di crema.
Se la temperatura non è calda usate la pellicola per coprire il tatuaggio e fissate i bordi con il cerotto anallergico, altrimenti consiglio di usare i cerotti per medicazione di grandezza adeguata per coprire il tatuaggio la notte o se per lavoro esponete il tatuaggio a sporco e polvere copritelo al fine di isolarlo da possibili infezioni e contaminazioni.

2 I primi due giorni: basterà pulire delicatamente come già scritto, usando sapone neutro e carta imbevuta, tamponando delicatamente senza frizionare. Mantenere la parte sempre idratata e protetta, proteggendola con la pellicola o i cerotti per medicazione.
Si formeranno delle croste e uno strato di pelle morta, non grattatele con la forza e non tentate di toglierle, il principio da seguire è:
"Se non vanno via tamponandole mentre si lava la superficie, non devono essere tolte."
Coprire con la pellicola o con i cerotti per medicazioni i primi due o tre giorni e pulire circa 3 volte al giorno.

Continua la lettura

3 I giorni successivi: pulire due o tre volte al giorno come già scritto e bendate il tatuaggio solo se esposti allo sporco.  Se rimanete in ambiente pulito basterà solo uno strato di Bepanthenol.
Dopo quattro o cinque giorni, il tatuaggio dovrebbe apparire meno infiammato, usare quindi semplicemente una crema idratante Approfondimento Come evitare allergie e infezioni da tatuaggio (clicca qui) In questi ultimi giorni prima della guarigione che avviene in circa dieci o quindici giorni, basterà semplicemente seguire regole di buonsenso e l'esperienza che avrete acquisito per medicare e portare a guarigione il vostro tattoo.. 

Come medicare una ferita efficacemente Come medicare un'ustione domestica Come curare l'impetigine con un trattamento olistico Come curare una distorsione della caviglia

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili