Come rimediare alle vesciche ai piedi

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Delle insopportabili vesciche ti sono spuntate sui piedi? Sono particolarmente fastidiose e non poco dolorose e, se hai la sfortuna di doverci convivere, segui questa semplice guida. In pochi veloci passaggi riuscirai a rimetterti in piedi senza più nessun fastidio! Leggi con attenzione questi consigli e adottali per scoprire come rimediare il più possibile alla crescita di questi inestetismi.

27

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Ago, cerotti, bende, disinfettante, pomata, scarpe comode.
37

Le vesciche sono delle bolle molto fastidiose che si formano sulla epidermide e contengono al loro interno una piccola quantità di liquido. La loro formazione è favorita dall'attrito dei piedi contro le suole delle scarpe quando si cammina a lungo, dal calore e dall'eccessiva umidità. Non è raro infatti, che questi fastidiosi inestetismi si presentino quando andiamo ad indossare un paio di scarpe nuove per un periodo di tempo troppo prolungato. Le scarpe nuove sono belle ma altrettanto rigide e poco propense alla flessibilità. Una volta indossate, la pelle delicata dei piedi è rovinosamente destinata a soffrire.

47

Un efficace rimedio contro le vesciche ai piedi, prevede di lavare accuratamente la parte circostante la vescica stessa con dell'abbondante acqua tiepida e con del rispettivo detergente. Una volta che la zona è asciutta, è consigliabile cospargerla con una pomata adatta al trattamento delle dermatosi infette. Spesso ci si chiede se sia più giusto procedere bucando o non bucando la vescica. La scelta è a vostra discrezione, sarete voi a dover decidere se preferite che la vescica guarisca da sola o se invece volete far accelerare il processo di guarigione facendo fuoriuscire il liquido. Di norma, se la vescica non rende doloroso il camminare, è consigliabile aspettare che sparisca da sola.

Continua la lettura
57

Se decidete di procedere bucando la bolla, è consigliabile inserire al suo interno un ago e, procedendo con molta cautela, forare la bolla alla base. Attendete pazientemente che tutto il liquido si sia riversato all'esterno della vescica e resistete alla tentazione di toglier via la pelle morta che la copre in quanto, quest'ultima, aiuta a proteggervi dalle infezioni. Pulite bene la zona trattata e applicate del disinfettante.

67

Come ultima cosa, coprite la pelle arrossata attraverso l'utilizzo di una garza o un cerotto. Cerca di mantenere la vescica correttamente pulita e disinfettata. Cambia la benda ogni giorno e applica più volte al giorno della crema antibatterica. Nel giro di 2-5 giorni la vescica dovrebbe essere destinata a sparire completamente.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Resistete alla tentazione di togliere via la pelle morta che copre la vescica.
  • Applicare l'aloe vera a diretto contatto con la vescica è un altro modo molto efficace per farla guarire velocemente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Fitness

Sport estivi: 5 consigli per l'abbigliamento adatto

L'abbigliamento sportivo ormai da anni fa tendenza. Alcuni capi prodotti da grandi marchi di abbigliamento possono persino venire in parte riutilizzati, senza farsi tanti ...
Rimedi Naturali

Come lenire il prurito della varicella

La varicella è una malattia altamente contagiosa causata da un virus. Il contagio avviene sia tramite contatto diretto sia per via aerea in presenza di ...
Rimedi Naturali

I benefici dell'olio essenziale di arancio

Gli oli essenziali sono sostanze molto pregiate, estratte dalle piante aromatiche, ivi presenti sotto forma di goccioline all'interno delle foglie, delle bucce dei frutti ...
Rimedi Naturali

Benefici dell'olio essenziale del ginepro

Il ginepro è una bellissima e profumatissima pianta. Nelle bacche di questa pianta si trova anche un olio molto utile per il benessere e la ...
Fitness

Come prepararsi per gli allenamenti in palestra

Andare in palestra non significa soltanto sollevare pesi, ma è necessaria anche un'adeguata preparazione affinché i risultati siano quelli sperati. Infatti, un allenameto errato ...
Rimedi Naturali

La camomilla: proprietà e benefici

La camomilla è un'erba medicinale secolare conosciuta fin nell'antico Egitto, in Grecia e a Roma. La popolarità di camomilla è cresciuta notevolmente nel ...
Rimedi Naturali

Ranuncolo bulboso: usi e proprietà curative

Il Ranuncolo bulboso o Ranunculus bulbousus, comunemente conosciuto come ranuncolo selvatico ed in alcune regioni definito come "rapa di Sant'Antonio, è una pianta erbacee ...
Rimedi Naturali

Usi e utilizzi dell'olio 31

L’Olio 31 è un prodotto naturale costituito da un mix di 31 oli essenziali purissimi estratti da piante officinali tra cui menta piperita, eucalipto ...
Rimedi Naturali

Occhio di pernice: come curarlo con rimedi naturali

Spesso quando si utilizzano delle scarpe eccessivamente strette, si rischia di danneggiare la pelle dei piedi e si rischia di far formare sulle dita dei ...
Rimedi Naturali

Come eliminare i calli in modo naturale

I calli sono piccole escrescenze di pelle che si formano sui piedi oppure sulle mani, a causa di continui sfregamenti o sollecitazioni da parte di ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.