Come contrastare le vampate di calore

di Eva B. difficoltà: media

Come contrastare le vampate di calore C’è un evento molto fastidioso che può verificarsi in diversi momenti della giornata o di notte: le vampate di calore.
Coinvolgono soprattutto i soggetti di sesso femminile, nelle specifiche situazioni in cui gli ormoni perdono la loro regolarità e subiscono degli squilibri, come nel periodo particolare e delicato della menopausa, oppure nei primi mesi della gravidanza e nel puerperio, ma ne possono soffrire anche uomini anziani (alcuni farmaci per abbassare il colesterolo possono avere questo effetto collaterale).

1 Le vampate consistono, in sostanza, in una improvvisa e fastidiosa sensazione di calore che parte dalla zona toracica per poi espandersi su viso e collo, normalmente accompagnata da sudorazione e talvolta seguita da una sensazione di freddo e brividi; può anche associarsi a palpitazioni.
Nelle persone maggiormente colpite da questo fenomeno si nota una più alta incidenza di disturbi del tono dell’umore, del sonno (come conseguenza delle vampate notturne), della memoria e della concentrazione, con il conseguente rischio di veder aumentare le sindromi ansioso-depressive, situazione che può dar luogo ad un circolo vizioso difficile da arrestare.

2 Vediamo alcuni consigli per cercare di gestire al meglio questo disagio, che per qualcuno può essere parecchio invalidante, e vivere la situazione il più serenamente possibile.
Con pochi e semplici accorgimenti, tesi soprattutto a limitare lo stress, si può riuscire ad affrontare al meglio questo problema.
Innanzitutto rendiamo l’ ambiente in cui si vive fresco e ventilato, con una temperatura non troppo elevata, scegliendo un abbigliamento comodo e non restrittivo, meglio se a strati per avere più facilità nel togliere o aggiungere dei capi.
Contro le vampate notturne è bene optare per della biancheria da letto in cotone ed evitare i tessuti sintetici.
Per quanto riguarda lo stile di vita, è consigliabile l’allontanamento dal fumo di sigaretta, la perdita del peso in eccesso per quanto possibile e il movimento fisico; senza “impazzire” in palestra è sufficiente fare tutti i giorni una salutare camminata cercando di mantenere una respirazione regolare e profonda, per ossigenare al meglio sangue, polmoni e muscolo cardiaco.

Continua la lettura

3 Un aiuto molto importante è dato senza ombra di dubbio da una corretta alimentazione, che inizia con l’ eliminazione dalla dieta quotidiana di alcolici e bevande stimolanti come tè, caffè, bibite a base di cola, imputati principali dell’aumento di intensità degli attacchi. 
E’ bene limitare anche gli alimenti piccanti, le spezie (che possono essere efficacemente sostituite da erbe aromatiche) e i cibi più ricchi di grassi (burro, lardo, strutto), preferendo invece le carni magre, il pesce, le verdure fresche di stagione, i cereali integrali e un paio di frutti al giorno (non di più perché il fruttosio altera il metabolismo di alcuni grassi nel sangue).  Approfondimento Menopausa: come riconoscerla (clicca qui)
La limitazione del consumo di sale è sempre consigliata. 
Può inoltre rivelarsi molto utile anche il ricorso a metodiche di cottura più leggere, come il lesso o il vapore rispetto, per esempio, alle fritture.. 

4 In tutti i casi, un consiglio utile e validissimo è sicuramente quello di provare a gestire le giornate nella massima tranquillità e serenità, apprezzando i lati positivi che si presentano nel corso della vita, per ridurre quegli eventi che causano tensioni e stress, soprattutto nei momenti più delicati come può essere il passaggio dalla fertilità alla menopausa, che non deve essere interpretato alla stregua di un finale, ma piuttosto come l’inizio di una vita diversa e, perché no, talvolta anche piacevole.

Come riconoscere i sintomi della menopausa Rimedi naturali per i disturbi della menopausa Come alleviare sintomi della menopausa L'alimentazione in menopausa

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili