Come comportarsi in caso di punture di api e vespe

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

È risaputo che le punture di insetto possono essere veramente pericolose; prendiamo per esempio l'ape: quante volte sarà capitato di trovarsi in campagna, magari distesi sull'erba, ed essere sfortunatamente stati punti da questo insetto. In queste circostanze è bene non farsi prendere dal panico, sennò si rischierebbe di peggiorare la situazione. Le vespe, a differenza delle api, sono ancora più aggressive e più pericolose, poiché non perdono il pungiglione alla prima inoculazione, essendo esso liscio; inoltre la puntura di una vespa può essere molto grave, portando talvolta anche al decesso. C'è anche da ricordare che le api costruiscono il loro alveare in posti più o meno classici, mentre le vespe possono creare il loro nido anche sottoterra, certamente più pericoloso. Anche se pungono, le api sono insetti laboriosi e molto utili per la produzione del miele, mentre le vespe non svolgono alcuna utilità, se non l'impollinazione dei fiori. Se siete interessati a scoprire come comportarsi in caso di punture di api e vespe, non vi resta che seguire gli utili consigli contenuti nei vari esaurienti passi di questa guida.

25

Le punture di api e di vespe non possono essere anticipate o prevenute a causa dell'imprevedibilità di questi insetti. Di solito api e vespe sono creature pacifiche, che tendono ad essere innocue fino a quando non vengono provocate. A volte, però, può succedere di provocarle involontariamente: calpestandole con un piede oppure scacciandole con la mano. A questa provocazione, seppur involontaria, le api e le vespe rispondono con un attacco deciso ed il/la malcapitato/a potrà fare davvero poco per evitare di essere punto/a.

35

A seguito della puntura la porzione di pelle colpita si gonfierà in maniera evidente, iniziando a provocare un dolore acuto e decisamente poco piacevole. Se vi dovesse capitare di essere vittima di una puntura da parte di api o vespe provate il seguente rimedio efficacissimo, naturale al cento per cento. Prendete uno spicchio di aglio e sbucciatelo con cura. Successivamente dividetelo in due parti con un coltello e strofinate la parte interna, più morbida, sulla parte interessata dal gonfiore. Questo si attenuerà e, gradualmente, tenderà a ridursi.

Continua la lettura
45

Inoltre esiste un ulteriore metodo ugualmente efficace per curare la puntura di ape. Come prima cosa prendete un coltello da cucina abbastanza spesso, che sia però d'acciaio. Posizionate la lama sulla parte interessata dalla puntura e pressate fino alla completa rimozione del pungiglione dell'insetto. Se esso sfortunatamente dovesse rimanere conficcato nella pelle, provocherebbe l'espansione del veleno nel corpo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Come curare le punture di zanzara in modo naturale

Sebbene si cerchi di mettere in campo soluzioni atte ad evitare il contatto diretto con questi insetti, non sempre si riesce nell'intento. Un primo ...
Rimedi Naturali

Come curare le punture di zanzare con metodi naturali

Le zanzare, si sa, sono un vera e propria piaga: pungono, ronzano, infestano, rumoreggiano e le loro punzecchiature danno tanto, tanto prurito, accompagnato da rossori ...
Rimedi Naturali

Come lenire le punture di zanzare

Se c'è una cosa veramente odiosa dell'estate sono le zanzare. Sono sempre in agguato e quando meno te lo aspetti ti pungono e ...
Rimedi Naturali

Olio di timolo: proprietà e usi

Come voi lettori e lettrici ben saprete, l'olio di timolo è un componente vegetale che si ottiene per distillazione da una pianta aromatica molto ...
Rimedi Naturali

Come alleviare un forte prurito

Il prurito cutaneo è una manifestazione sensoriale di varia intensità. Le sue cause possono essere molteplici e dipendere da eventi banali della vita quotidiana come ...
Rimedi Naturali

Come lenire il prurito

Il prurito è una sensazione sgradevole che provoca il grattarsi ed è legata ad una lieve stimolazione delle terminazioni delle fibre nervose dolorifiche superficiali, una ...
Rimedi Naturali

Usi e utilizzi dell'olio 31

L’Olio 31 è un prodotto naturale costituito da un mix di 31 oli essenziali purissimi estratti da piante officinali tra cui menta piperita, eucalipto ...
Rimedi Naturali

Come Lenire Il Gonfiore Di Mani, Piedi, Occhi E Labbra

Purtroppo molte persone soffrono di gonfiore alle mani ed ai piedi, a causa del caldo, delle abitudini alimentari, degli sforzi e delle posizioni sbagliate che ...
Alimentazione

La melissa: proprietá e benefici

La melissa è una pianta erbacea nota anche con il nome di cedronella o erba limona per il peculiare odore emanato dalle sue foglie una ...
Rimedi Naturali

Consolida minore: usi e proprietà curative

La consolida minore (conosciuta scientificamente con il termine di "Clinopodium vulgare") è un arbusto facente parte della famiglia delle "Boraginaceae". Il primo a catalogare questa ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.