Come affrontare una bocciatura

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Qualora, purtroppo, l'anno scolastico appena terminato non si dovesse essere chiuso nella maniera auspicata, e foste stati bocciati, allora dovrete comprendere come far tesoro dell'esperienza appena vissuta, per non commettere più gli stessi errori negli anni successivi. In questa guida, eccovi come affrontare una bocciatura. Cominciamo questo percorso interessante.

25

La reazione famigliare

Partirei dalla capacità che serve per riuscire a reagire nella maniera giusta a un evento sicuramente triste, in modo tale che possiate interpretare questo incidente di percorso come una lezione, senza buttarvi giù psicologicamente, ma pensando immediatamente a come non incappare nuovamente negli stessi errori negli anni a venire. In questo percorso, i genitori hanno un ruolo motivazionale importante. La punizione forse è la peggiore soluzione al problema: una volta che l'anno scolastico è perso non si può recuperare allora perché continuare a mortificare il ragazzo? Sarebbe importante focalizzarsi sulla motivazione del risultato: dove sono finite le sue capacità di investire sul proprio futuro? Essere accoglienti e comprensivi è un modo per dare una risposta a tale domanda e in questo modo si eviterebbe anche la reazione "a riccio" del ragazzo che continuerebbe a restare fermo sulle sue idee e sulle sue convinzioni.

35

La bocciatura in un esame universitario

Invece, quando la bocciatura non capita alle superiori, ma succede semplicemente per un esame universitario andato storto, allora riuscire a riprendersi è più semplice, sia perché si è più maturi, e quindi si riesce ad analizzare meglio gli errori, sia perché la possibilità di rimediare all'esame andato male può arrivare nell'immediato futuro, senza dover ripetere un percorso lungo come un anno scolastico. L'importante è saper analizzare dando una spiegazione più oggettiva dell'avvenuta bocciatura facendosi un "esame di coscienza" : "quanto ero preparato? Ho studiato tutti i minimi dettagli?"In entrambi i casi, la bocciatura è una meta mancata: solo chi la vive sa realmente quanto è difficile superare tale ostacolo. Restare soli ad affrontare tale situazione non è facile quindi chiedere aiuto e comprensione non è una sconfitta ma è un superamento di quell'ostacolo che non è la bocciatura ma di un'esperienza negativa; chiedere aiuto è crescita!

Continua la lettura
45

L'analisi delle bocciature

Può accadere che, all'interno della famiglia, una bocciatura venga vissuta nella maniera sbagliata, trasformandosi da incidente di percorso da analizzare, a una vera e propria catastrofe, una sconfitta nell'educazione, che è un'interpretazione errata di ciò che è avvenuto. Secondo i dati degli ultimi anni del Miur, ministero dell'istruzione, la percentuale maggiore di studenti bocciati comprende studenti di scuole superiori, nello specifico licei e istituti professionali. Come sottolinea la ricerca del ministero, la bocciatura non arriva mai come un fulmine a ciel sereno: nella maggior parte dei casi, i ragazzi bocciati hanno avuto molte chances dai professori non solo negli anni precedenti (se sono bocciati dopo il primo anno) ma anche durante l'anno scolastico stesso.
Per concludere quest'analisi interessante su come reagire a una bocciatura, vi consiglio vivamente un approfondimento che tratti temi che non abbiamo sviluppato all'interno di questi tre passi della nostra guida. A tal proposito, eccovi un link utile: http://scuoladivita.corriere.it/2015/06/11/tuo-figlio-e-stato-bocciato-niente-drammi/.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

5 modi per affrontare gli esami universitari

Gli esami sono un ostacolo costante nella vita di ogni studente, e nel caso di quelli universitari riescono a suscitare forse il maggior carico d'ansia e timore rispetto a quelli delle scuole inferiori. Infatti, in vista di uno o più esami universitario...
Psicologia

5 consigli per superare la delusione di una sconfitta

Bisogna sempre essere pronti ad affrontare una sconfitta perché può presentarsi in qualsiasi occasione ed in ogni momento della nostra vita. Imparare a farlo non è assolutamente facile, la capacità dipende in parte anche dal proprio carattere. Le...
Psicologia

Come guarire dal mal d'amore

L'amore: il sentimento più bello e struggente allo stesso tempo. Questa forte indipendenza di cui non possiamo farne a meno, ma che a volte ci fa star male, facendoci sconfinare in tanta sofferenza. Si chiama mal d'amore, una brutta malattia. Ha colpito...
Sessualità

Cosa fare se si rompe il preservativo

Parlare di profilattici non è mai semplice, il solo pronunciare la parola preservativo provoca sconforto e imbarazzo; nonostante sia un oggetto con cui molti hanno a che fare quotidianamente, tanti altri hanno scrupoli etici o religiosi che rendono l'utilizzo...
Psicologia

Come restare calmi

Nelle situazioni di forte turbolenza che accadono nella vita di tutti i giorni non ci sono ancore fisiche che reggono. Come restare calmi quando le acque si agitano? Occorre saper osservare e, pensare che siamo capitati in una tempesta, abbiamo anche...
Psicologia

10 motivi per riprendersi dopo un lutto

Quando ci scontriamo con la morte di qualcuno a noi vicino ci sembra che una parte di noi sia andata via con quella persona. Nulla sarà mai più come prima. Una nuova consapevolezza del dolore inciderà sulla nostra vita. Tuttavia dobbiamo continuare...
Psicologia

Come liberarti dal senso di frustrazione

Se i sentimenti si protraggono per lungo tempo, possono portare a stress e ansia, impedendo di essere tranquilli nella vita quotidiana. È importante quindi comprendere le cause di fondo e di esercitare misure preventive che possono contribuire a ridurre...
Alimentazione

Come gestire la celiachia a scuola

Per tutti i genitori e per i loro figli, il primo giorno di scuola è davvero importante. Oltre ad essere il primo contesto sociale in cui i bambini si cominciano a confrontare, è anche un momento carico di emozione e ansia soprattutto se i nostri figli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.