Come affrontare la paura dei ragni

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La paura è un'emozione ancestrale, primaria e fisiologica, da sempre utile e necessaria alla sopravvivenza. Talvolta però accade che tale emozione, in grado di attivare la giusta reazione in caso di pericolo, diventi predominante, invadendo totalmente ogni ambito della vita di un individuo. La paura non è dunque di per sé deleteria, ma lo diviene se attiva tutti i suoi meccanismi in caso di assenza di pericolo. La sensazione di paura diviene inoltre limitante se spinge la persona a modificare le proprie abitudini in funzione della stessa, influenzando il quotidiano per evitare l'eventuale sensazione di panico. Spesso la paura si basa essenzialmente sulle proprie convinzioni e sulle proprie proiezioni interiori, ed è un mezzo che aiuta a controllare con maggiore facilità i propri pensieri negativi trasferendoli su un oggetto circoscritto. La presente guida offre utili consigli su come affrontare e contrastare l'aracnofobia, cioè la paura dei ragni: una delle più diffuse al mondo, ma sicuramente superabile con tempo e pazienza.

27

Occorrente

  • Tempo
  • Pazienza
  • Psicoterapia (facoltativa)
37

L'aracnofobia è spesso responsabile di diversi attacchi di panico: in coloro che ne sono affetti tale paura si traduce in una serie di sintomi fisici quali: paura, angoscia, brividi e senso di vertigine. La prima cosa da fare è sicuramente cercare di capire quali implicazioni profonde si nascondono dietro questo disagio. A volte l'assenza di conoscenza suscita paura: informarsi a proposito dei ragni presenti nella propria zona abitativa aiuta a capire quali sono le specie più o meno pericolose. Può essere estremamente utile fissare una foto di un ragno, partendo da un tempo di pochi secondi fino a raggiungere il minuto. Non è tanto importante il tempo utilizzato per eseguire tale esercizio, ma le sensazioni suscitate dall'immagine. È infatti risaputo che acquisire familiarità con l'immagine dei temuti ragni aiuta a superare la repulsione nei loro riguardi. Sarà necessario svolgere questo esercizio per gradi, fino a quando l'immagine del ragno non provocherà più turbamento.

47

È importante cercare di ricordare l'evento cardine che ha scatenato gli episodi di aracnofobia. Scoprire le origini del proprio malessere aiuta a capire cosa è scattato nella propria mente. A volte il conoscere le cause scatenanti del problema aiuta a trovare le giuste soluzioni. È essenziale dunque indagare dentro di sé, se necessario con il valido aiuto di uno psicoterapeuta. Tale figura professionale potrebbe aiutare a superare i propri blocchi emozionali interiori e ad accelerare il processo di ridimensionamento del problema.

Continua la lettura
57

È possibile essere supportati nel proprio percorso di guarigione dell'aracnofobia anche dalle nuove tecnologie. Dall'America arriva il “Virtual Spider Technology”, un simulatore in 3D della presenza di un ragno. Questo supporto virtuale può aiutare un aracnofobico ad avvicinarsi al mondo degli ragni in tutta sicurezza, aiutandolo a controllare la propria paura con maggiore facilità senza rischi per la propria incolumità. Abituarsi alla presenza quasi reale dei ragni aiuta ad allontanare in fretta il senso di repulsione che potrebbe scaturire al primo impatto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se non si comprendono le cause scatenanti dell'aracnofobia può essere utile rivolgersi ad uno psicoterapeuta.
  • Se la paura è legata ad un evento spiacevole avente come protagonista un ragno, un approccio comportamentale sarà il più indicato.
  • Esprimere a voce alta le paure aiuta a ridimensionarle.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Come scegliere i fiori di Bach

Nei primi decenni del '900, Edward Bach assegnò i suoi studi tra stati d'animo negativi e il legame tra i disturbi di salute. Bach pensava che la malattia è un strumento tramite il quale la nostra anima ci avvisa che stiamo avvertendo un disagio interiore....
Salute

I lati peggiori della vita in campagna

La vita di città, tra confusione, traffico e smog, può sembrare un vero inferno, soprattutto se paragonata all'idea idilliaca che molti hanno della vita di campagna: calma, tranquillità, silenzio, un genuino contatto con la natura e con gli animali......
Psicologia

Come superare la paura delle scale mobili

Ci sono gesti di tutti i giorni che per alcune persone possono diventare veri e propri calvari. Questo perché tali persone provano nei confronti di un oggetto o un'azione una paura o addirittura una fobia. C'è chi ha paura di ragni e insetti. Chi non...
Rimedi Naturali

I benefici degli impacchi con le foglie di cavolo

Il cavolo è un vegetale classificato nella famiglia delle Crucifere, genere Brassicacee. Di questa pianta ne esistono diverse forme tutte derivate dalle modificazioni genetiche che l'uomo ha apportato tramite incroci tra piante che presentavano caratteristiche...
Rimedi Naturali

Consigli per identificare i tipi di punture di insetti

Il sole e la calura estiva incentivano le attività all'aria aperta, come campeggi, escursioni, pic-nic, gite in barca e giochi. Molti tipi di insetti ripopolano campi e spiagge, giardini pubblici e privati. Pertanto, si acquistano preventivamente creme,...
Psicologia

Come vincere la fobia degli scarafaggi

Molto spesso succede di essere spaventati da qualche animale. Spesso, sopratutto nel caso delle donne, queste ultime si spaventano davanti a grilli, cavallette o scarafaggi, sicuramente molto fastidiosi. Se anche voi rientrate in queste categorie, allora...
Fitness

I benefici del Kundalini Yoga

Il Kundalini yoga fa parte della corrente dello yoga tantrico e si rifà ad una filosofia tramandata oralmente durante il susseguirsi dei secoli. La pratica del Kundalini vuole risvegliare la parte femminile insita in ogni uomo per arrivare, attraverso...
Rimedi Naturali

Come fare degli impacchi a base di erbe

Gli impacchi a base di erbe sono degli antichi rimedi popolari che racchiudono un patrimonio sospeso tra il sapere magico, l'orientamento erboristico ed elementi di pratiche manipolatorie. Depositarie di questo segreto erano le donne che, solo in alcuni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.