Cibi da evitare se si soffre di celiachia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La celiachia o malattia celiaca è una malattia autoimmune dell'intestino tenue, che si verifica in individui di tutte le età, geneticamente predisposti. I sintomi includono diarrea cronica, ritardo della crescita nei bambini e stanchezza. Questi sintomi possono essere anche assenti, mentre ne sono stati descritti altri extragastrointestinali. Si ritiene che la malattia possa interessare da 1 su 1750 a 1 su 105 persone negli Stati Uniti. La celiachia è causata da una reazione alla gliadina, una prolammina (proteina del glutine) presente nel grano e da proteine simili che si trovano nelle tribù di Triticeae, che comprendono altri cereali comuni, quali orzo e segala. L'esposizione alla gliadina causa una reazione infiammatoria. Ciò porta ad un troncamento dei villi che rivestono l'intestino tenue, chiamata atrofia dei villi. Ciò interferisce con l'assorbimento delle sostanze nutritive, in quanto i villi intestinali ne sono responsabili. L'unico trattamento efficace conosciuto è una permanente dieta priva di glutine. In questa semplice e veloce guida vi spiegherò, nella maniera più chiara e comprensibile possibile, quali cibi evitare se si soffre di celiachia.

26

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Alimenti che non contengono glutine
36

Il glutine è presente negli alimenti che contengono grano. Pane, biscotti, cracker, pizza e dolci sono alcuni dei prodotti che devono essere evitati in una dieta senza glutine. Esistono fortunatamente svariate alternative al consumo di questi alimenti e sono presenti anche in commercio dei prodotti simili che però sono lavorati senza l’aggiunta di glutine. In quest’ultimo caso è bene controllare con attenzione la composizione del prodotto al fine di assicurarsi dell’assenza di glutine in esso.

46

Un numero crescente di negozi specializzati e persino supermercati ha ampliato la scelta degli alimenti specifici per persone celiache. Il glutine potrebbe essere compreso in alcune sostanze come conservanti e addensanti utilizzati nella cucina industriale su larga distribuzione; fate quindi attenzione ai prodotti che acquistate al supermercato. Fate attenzione alle bevande come ad esempio bibite gassate o succhi di frutta, leggete la scheda nutrizionale presente nel retro delle bottiglie dove sono indicati gli ingredienti.

Continua la lettura

Approfondimento

Come sostituire il glutine
56

Allo stesso modo dovete trattare dolci preconfezionati o da pasticceria, cioccolato e gelato. Sono da escludere anche sughi pronti o cibi surgelati, in quanto contengono addensanti. Invece, per quanto riguarda i salumi, dovete acquistarli in apposite macellerie o negozio biologici e dovete specificatamente chiederli senza glutine.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggete sempre le etichette riportate nel retro dei prodotti
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Come scoprire la sensibilità al glutine

Una delle patologie maggiormente diffuse tra la popolazione italiana è la sensibilità al glutine che provoca dei danni all'intestino tenue. La stima delle associazioni ...
Alimentazione

Come evitare la contaminazione di cibi senza glutine

La celiachia rappresenta un'intolleranza al glutine, ovvero ad una proteina che si trova nella maggior parte dei cibi di consumo come frumento, cereali, pasta ...
Alimentazione

Come scoprire l’intolleranza al glutine

L'intolleranza alla proteina chiamata glutine, o Celiachia, in termini più "tecnici", può manifestarsi a qualsiasi età (anche se i casi più frequenti si registrano ...
Alimentazione

Le peggiori bufale sul glutine

Parola che ormai tutti conosciamo, il glutine è una sostanza proteica che ritroviamo negli alimenti trattati con farina e cereali vari. Durante la preparazione degli ...
Alimentazione

Latte di kamut: proprietà e controindicazioni

Il latte di grano khorasan o più semplicemente Kamut® secondo il marchio registrato, è un latte di origine vegetale ricavato da questo versatile cereale. Il ...
Alimentazione

Come gestire la celiachia a scuola

Per tutti i genitori e per i loro figli, il primo giorno di scuola è davvero importante. Oltre ad essere il primo contesto sociale in ...
Alimentazione

Le proprietà della farina di riso

La farina di riso è un prodotto ricco di amido, dalla consistenza finissima, che si ottiene dalla macinatura del chicco di riso bianco. È un ...
Alimentazione

Vitiligine: alimenti da evitare

Vitiligine: alimenti da evitare. La vitiligine è una patologia della pelle tutt'altro che rara. Essa si manifesta con la comparsa di macchie bianche, chiaramente ...
Alimentazione

Come scoprire le intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari sono sempre più diffuse e molte persone non sanno ancora che soffrono di questo disturbo. Una dermatite insistente e fastidiosa, una cefalea ...
Alimentazione

5 piatti per intolleranti

Al giorno d'oggi sono sempre più frequenti i casi di persone che nascono, o sviluppano nel corso della loro vita, particolari tipi di intolleranze ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.